Quantcast

Brescia, il corso di laurea in benessere

Si chiama 'Science and Technology for Population Health and Wealth' ed è attivo già dal 2014-2015. Unico in Italia.

Più informazioni su

(red.) Si chiama ‘Science and Technology for Population Health and Wealth – Scienze e tecnologie per la salute e il benessere della popolazione’, ed è il primo corso di laurea magistrale in Italia attivato a Brescia già a partire  dal prossimo anno accademico 2014-2015.
Il vice presidente e assessore alla Salute di Regione Lombardia Mario Mantovani è intervenuto nel pomeriggio di martedì 15 luglio a Brescia per partecipare alla cerimonia della firma dell’Accordo di programma tra Ministero della Salute e Università degli Studi di Brescia. All’evento è intervenuto il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin.
Un accordo teso a promuovere progetti di ricerca e sviluppo orientati al tema della salute e del benessere delle persone nell’ambiente, che troverà nuova linfa anche in questo nuovo corso, unico in Italia per il suo carattere di interdisciplinarità.
Per la sua nuova vocazione tematica orientata al binomio salute-benessere, e per l’aperturaalla partnership con altre istituzioni e centri di ricerca, l’Ateneo di Brescia sarà un vero laboratorio di idee diventando così un nuovo modello universitario per tutta Europa.
L’Università di Brescia si configura infatti come primo ateneo tematico in Italia, il cui tema portante è proprio ‘La salute e il benessere delle persone nell’ambiente’. Un tema che, assai caro all’assessore alla Salute Mario Mantovani, coinvolgerà anche il settore industriale, economico, sociale e culturale. Le grandi aree di interesse verteranno su longevità, ambiente, stili di vita e tecnologie per la salute e il benessere, temi cari che rivestono grande considerazione anche nelle linee guida della riforma della salute che Regione Lombardia si appresta a varare.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.