Quantcast

Feste in parrocchia, si cambia

Un vademecum distribuito dalla Diocesi di Brescia agli oratori indica quali manifestazioni sono ammesse e quali invece tassativamente vietate.

(red.) Feste in parrocchia, da oggi si cambia. Un vademecum della Diocesi di Brescia ha fissato i limiti e regolamentato gli appuntamenti di festa (sagre, spettacoli, eventi musicali, ecc.) nelle sedi delle parrocchie.
Veto per le feste di halloween, sagre della birra, riunioni di partito, sfilate di moda, eventi musicali particolarmente costosi, giochi di ruolo e simulazioni con uso di armi, manifestazioni paramilitari e saggi musicali e di danza in abiti e con atteggiamenti indecorosi.
Le indicazioni sono state raccolte in un libretto che verrà distribuito in tutte le parrocchie e gli oratori e segue una pubblicazione analoga, datata 1984 e firmata da monsignor Bruno Foresti. Si tratta quindi di un aggiornamento legato alle mutate condizioni della società e anche per andare incontro alle difficoltà in cui si possono trovare i sacerdoti della provincia di fronte alle richieste di ospitare nella sale degli oratori manifestazioni di natura diversa, non sempre conformi al luogo in cui si svolgono.
Quali eventi potranno essere svolti nelle parrocchie? Le feste dovranno iavere finalità e carattere pastorale, ma non solo. Le rpescriizoni si riferiscono anche alla celebrazione delle Messe che non dovranno essere legate a eventi politici, mondani o a circostanze che non rispondano al magistero della Chiesa.
Nei locali delle parrocchie potranno comunque essere ospitate feste dei bambini, di laurea (“a condizione che non abbiano carattere di esclusività”), manifestazioni comunali o civili, feste di carnevale, concerti a basso costo organizzativo e incontri su tematiche politiche e sociali realizzate dalla parrocchia con altre realtà civili.
Accesso negato invece per manifestazioni o riti di religioni non cristiane.
Il vademecum è disponibile gratuitamente nei locali della curia e sul sito della diocesi all´indirizzo www.diocesi.brescia.it.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.