Quantcast

Il Dibattito tra criptovalute e oro infuria a Wall Street: ma i fllussi si invertono

Più informazioni su

    (red.) L’oro è tornato a correre questo mese proprio mentre il rally delle criptovalute va in pezzi, alimentando il dibattito di Wall Street sul legame tra i due presunti asset di copertura.
    I fondi di lingotti hanno visto le due migliori settimane di afflussi da ottobre, e i prezzi si stanno avvicinando a 1.900 dollari l’oncia. Al contrario, i Bitcoin sono precipitati di quasi il 40% da un picco di 63.000 dollari e i fondi stanno registrando deflussi.

    Bitcoin e Oro

    Sì, il dollaro più debole e il calo dei rendimenti aggiustati per l’inflazione sono le ragioni principali per la rinascita dell’oro. La volatilità stimolata da Elon Musk, nel frattempo, ha spento parte dell’euforia speculativa in Bitcoin, minando la sua ambizione di attirare la folla istituzionale.

    Tuttavia, tutto ciò affascina una coorte di mercato che sottolinea i paralleli tra l’oro digitale e il vero affare. Entrambi sono visti come coperture dell’inflazione, materie prime scarse e catturano il divario culturale tra i giovani commercianti ossessionati dalla tecnologia e i tradizionalisti del boom.

     Nel frattempo, analisti del calibro di JPMorgan & Chase & Co. e ByteTree Asset Management affermano che la recente ascesa dell’oro sembra essere arrivata almeno in parte a spese dei Bitcoin, poiché gli investitori ruotano tra i due. “C’è ancora così tanta confusione tra Bitcoin e oro”, ha scritto in una nota Charlie Morris, fondatore di ByteTree. “Coesistono e prosperano entrambi in un ambiente inflazionistico”.

     

    Le Tendenze Di Oro e Bitcoin

    In un rapporto sullo spostamento delle tendenze dell’oro e dei bitcoin, Morris ha suggerito che i flussi di fondi stanno avendo un impatto insolitamente grande nell’aumento del prezzo dell’oro, e viceversa i flussi in uscita di Bitcoin stanno deprimendo i prezzi.

     Il passato potrebbe essere un prologo: all’inizio di quest’anno, i fondi Bitcoin hanno attirato denaro istituzionale mentre i gestori di denaro esaltavano un caso in cui le valute digitali si insinuavano nel posto dell’oro in un portafoglio. Con la crescita economica in pieno svolgimento, più di 20 miliardi di dollari hanno lasciato gli ETF sostenuti da lingotti nei sei mesi fino ad aprile.

     Per alcuni strateghi, il mercato dei lingotti è un punto di partenza per indovinare le loro previsioni di prezzo per Bitcoin.

     In un mondo in cui gli investitori allocano oro e Bitcoin in modo uniforme ai loro portafogli e le due attività convergono in volatilità, ciò implicherebbe una valutazione di Bitcoin a $ 140.000, JPMorgan ha stimato in precedenza. Per chi vuole iniziare ad investire, lo si puo’ fare attraverso piattaforme come yuan pay group e se si vuole sapere di più leggere le yuan pay group recensioni.

     “Inutile dire che una tale convergenza o equalizzazione delle volatilità o allocazioni è improbabile nel prossimo futuro”, hanno scritto gli strateghi guidati da Nikolaos Panigirtzoglou.

     

    Gli Effetti Del Coronavirus

    Da quando la svolta del vaccino Covid-19 ha innescato un rimbalzo economico a novembre, i fondi negoziati in borsa che tracciano l’oro hanno venduto quasi 12 milioni di once troy fino all’inizio di maggio, per un valore di circa $ 22,5 miliardi al prezzo di oggi.

     Gli investitori hanno prelevato quasi 14 miliardi di dollari dall’ETF SPDR Gold Shares (ticker GLD) nel periodo, aiutando a tagliare del 29% il totale delle attività nel più grande ETF sull’oro del mondo. Circa 1,6 miliardi di dollari sono tornati nel fondo per far sì che maggio sia il mese migliore da luglio.

     Nell’azione quotidiana, il collegamento diretto tra oro e Bitcoin è difficile da definire, suggerendo che la connessione riguarda più la psicologia del mercato che i flussi di denaro reale. La minaccia di pressioni sui prezzi e l’indebolimento del dollaro sono buone ragioni per l’attuale rally del metallo.

     E mentre le previsioni per i prezzi dei Bitcoin sono state rimproverate dalla svendita, l’entusiasmo non è svanito. Lo stratega di Bloomberg Intelligence Mike McGlone, che ha un obiettivo di prezzo di $ 100.000 per Bitcoin, afferma che c’è ancora una possibilità che la crittografia possa diventare una risorsa di riserva digitale e questo vale la pena rischiare.

     “L’oro potrebbe perdere la sua importanza, quindi potrebbe essere semplicemente prudente diversificare”, ha scritto McGlone. “La natura umana di riconoscere una nuova classe di asset è ciò che vediamo come un supporto Bitcoin primario.”

    Più informazioni su

    Commenti

    L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.