Quantcast

Sabato Piergiorgio Vittorini, avvocato, racconta il Barbiere di Siviglia

(red.) Con l’avvio della Stagione d’Opera proseguono gli appuntamenti di avvicinamento ai titoli in cartellone. La seconda conferenza della serie “Pazzi per l’Opera”, condotta dall’avvocato penalista Piergiorgio Vittorini, è in programma per sabato 9 ottobre alle ore 11.00 nel Salone delle Scenografie. Sarà il capolavoro rossiniano Il Barbiere di Siviglia il tema centrale dell’incontro che, come sempre, offrirà una esaustiva panoramica intorno all’opera. Dagli aspetti filologici e compositivi a quello musicali e storici, il pubblico potrà approfondire e affinare il proprio senso critico anche grazie agli ascolti guidati di alcuni brani.

I relatori – non addetti ai lavori ma grandi appassionati del genere – propongono tradizionalmente incontri aperti a un uditorio trasversale che, con l’occasione, può così accostarsi gradualmente all’Opera o scoprirne tratti meno noti.
Opera buffa per antonomasia, Il Barbiere di Siviglia venne composta da Gioachino Rossini per debuttare in occasione del carnevale del 1816 all’allora Teatro di Torre Argentina di Roma. Musicalmente familiare anche all’orecchio meno esperto, il Barbiere rossiniano vanta un illustre precedente nell’opera di Giovanni Paisiello. Il confronto, considerato “clamoroso”, vedrà brillare il Figaro musicato da Rossini e porterà questo titolo ad essere oggi tra i più rappresentati al mondo.

Come per le altre edizioni l’ingresso è gratuito fino a esaurimento posti, ma per garantire una fruizione in sicurezza è necessario ritirare i biglietti alla Biglietteria del Teatro Grande dal mercoledì precedente ciascun appuntamento (orario 13.30-19.00). I posti sono limitati.
L’accesso al Salone delle Scenografie si effettua da via Paganora 19. Ricordiamo inoltre che a seguito delle ultime disposizioni normative, anche l’accesso al Salone è possibile solo previa esibizione del Green Pass.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.