Quantcast

Gardone Riviera: tributo a Lelio Luttazzi con Caterina e Gabriele Comeglio

Più informazioni su

(red.) Sabato 2 ottobre alle ore 17 a Palazzo Wimmer a Gardone Riviera (ex Casinò, C.so Giuseppe Zanardelli 166) è in programma il quindicesimo concerto del Festival Suoni e Sapori del Garda. Protagonisti Caterina e Gabriele Comeglio & Jazz Company che proporranno un “Tributo a Lelio Luttazzi”
Lelio Luttazzi è stato un personaggio molto popolare nell’Italia degli anni 60. Pianista, cantante, solista di jazz, presentatore radiofonico e televisivo (come non ricordarlo in “Hit Parade!” e in “Studio Uno”) fu vittima di un incredibile errore giudiziario che lo estromise dalla televisione nel 1970. Una specie di “caso Tortora” ante-litteram che fece grande scalpore e che fornì l’ispirazione ad Alberto Sordi per il suo film “Detenuto in attesa di giudizio”.
Luttazzi, scomparso dieci anni fa, ci ha lasciato un corpus di canzoni di grande valore, che vanno da “Canto (anche se sono stonato)” a “El can de Trieste”, a “Souvenir d’Italie” che sono state interpretate da Mina, Anna Magnani, Quartetto Cetra, Jula De Palma, Rita Pavone e molti altri ancora.
Caterina Comeglio ha vinto il Premio Luttazzi (patrocinato dalla presidenza del Consiglio) nel 2019. Sul palco sarà accompagnata dalla Jazz Company diretta da Gabriele Comeglio.
La Jazz Company è una delle più importanti formazioni stabili italiane, con un organico flessibile che va dal quartetto alla big band; nasce a metà degli anni 90 per riunire solisti della disciolta orchestra di musica leggera della Rai di Milano. Vanta collaborazioni concertistiche con grandi solisti americani (Bob Mintzer, Randy Brecker, Lee Konitz, Dee Dee Bridgewater, solo per citarne alcuni) ed è attiva anche in ambiti pop.
L’ingresso è libero con Green Pass, prenotazione obbligatoria: tel. 0365 290411 – mail: info@lagodigarda.it

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.