Quantcast

Mystery Train: musica nel Teatro Romano di Brescia venerdì sera

Più informazioni su

(red.) Gli spettacoli al Teatro Romano si concludono con il settimo appuntamento all’insegna della musica. Venerdì 23 luglio alle ore 20.30, si terrà una originale e particolarissima Lezione di Storia realizzata in collaborazione con la Casa Editrice Laterza. Mystery Train. Un viaggio nell’immaginario americano è un affascinante racconto in musica che vede la partecipazione di un un’attrice, Margherita Laterza, due musicisti, Gabriele Amalfitano e Matteo Portelli, e un americanista, Alessandro Portelli.

Cos’ha significato il treno per un paese come l’America? La modernità è penetrata in un mondo rurale attraverso i binari, cambiando per sempre il paesaggio naturale come quello antropologico. Nella seconda metà dell’Ottocento e fino agli anni ‘50 del secolo scorso, la ferrovia è una protagonista assoluta dell’immaginario americano, come simbolo di libertà ma anche di solitudine, di progresso ma anche di lotte e scontri fra diverse classi sociali. Ed è senza dubbio al centro della produzione musicale folk, blues e rock. Il “viaggio” condurrà infatti il pubblico a ripercorre il rapporto dell’America con il treno tra racconti, poesie e canzoni, convocando, tra gli altri, Hawthorne e Dickinson, Woody Guthrie e Bruce Springsteen, Elvis Presley e Johnny Cash.

 

Lo spettacolo è prodotto dagli Editori Laterza in collaborazione con il Circolo Gianni Bosio. I biglietti per lo spettacolo del 23 luglio al Teatro Romano (intero € 15,00, ridotto under30 e over65 € 10,00) sono in vendita alla Biglietteria del Teatro Grande e sui siti teatrogrande.it e vivaticket.com. Anche per questo appuntamento è previsto il consueto biglietto scontato al 50% per gli studenti; ricordiamo che la Fondazione del Teatro Grande fa parte dei soggetti aderenti ad App18 e Carta Docente

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.