“Dal Vinile a Spotify”: al Parco del Maglio si parla di musica

Roberto Razzini, Managing Director di Warner Chappell Music Italiana, presenterà insieme ad Alberto Belgesto il suo libro.

(red.) Giovedì 30 luglio in occasione del Diluvio Festival 2020, al Parco del Maglio di OME – Brescia (Via Maglio 51 – inizio ore 19.30), Roberto Razzini, Managing Director di Warner Chappell Music Italiana, presenterà insieme ad Alberto Belgesto, co-fondatore di Latteria Artigianale Molloy che da anni vive e lavora con la musica, il suo libro “Dal Vinile a Spotify – Quello che resta sono le canzoni!”. Per info: bit.ly/diluvio1

 

Disponibile in tutte le librerie, “DAL VINILE A SPOTIFY” è una storia in musica a metà strada tra il racconto biografico e un saggio sulle evoluzioni del mercato musicale degli ultimi 40 anni. Il libro, disponibile anche sul sito della casa editrice People (www.peoplepub.it) e in versione eBook in tutti gli store, a due settimane dall’uscita è ancora tra i primi cinque libri più venduti su Amazon nella sua categoria, dopo una settimana in testa alla classifica.

 

Dal vinile come oggetto di culto all’ascolto mordi e fuggi dello streaming, da Sanremo a X Factor: cambia la fruizione, ma le canzoni e gli autori restano. Roberto Razzini, che ha da poco festeggiato i suoi trent’anni alla Warner Chappell, con un occhio attento a quelle che sono state le evoluzioni dei supporti e dei sistemi per fruire la musica, in “DAL VINILE A SPOTIFY” racconta l’evoluzione della musica con lo sguardo privilegiato di chi è stato testimone e protagonista, dietro le quinte, dei molti dei maggiori successi di queste ultime tre decadi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.