Brescia, la banda cittadina riprende le attività

Sono ricominciate le prove dopo lo stop per il Covid-19. E il 12 settembre è prevista la prima uscita della banda giovanile.

Più informazioni su

L’ultima volta gli strumentisti della Banda cittadina di Brescia si erano trovati nella sede all’interno del parco di via Odorici lo scorso 21 febbraio. Poi tutta l’attività interrotta.
È vero che durante il lungo periodo di forzata sospensione la “Isidoro Capitanio” ha voluto confermare il proprio impegno civile e il forte legame con l’intera comunità bresciana partecipando con pochi esecutori a un paio di cerimonie promosse dall’Amministrazione comunale (la prima per ricordare la vittime del Covid 19, la seconda per la riapertura dei Musei) e ha messo in rete su Youtube e i social una serie di video-concerti per testimoniare la propria presenza in occasione di celebrazioni significative per la nostra città (Festa della Liberazione, Festa del Lavoro, il ricordo delle vittime della strage di piazza della Loggia, la Festa della Repubblica).

Generico agosto 2020

Da martedì 8 settembre sono riprese le prove. L’Associazione ha elaborato un rigoroso protocollo che stabilisce i comportamenti di tipo igienico-sanitario che devono essere adottati.
All’interno della sala prove di oltre 90 mq possono essere presenti contemporaneamente non più di 22 strumentisti e un direttore, per cui l’organico del complesso bandistico è stato suddiviso in tre gruppi, equilibrati nelle diverse sezioni, che si alterneranno nel corso di ogni settimana sotto la guida dei direttori Giuliano Mariotti e Sergio Negretti.
Dei 50 spettacoli previsti nel corso del 2020 la “Isidoro Capitanio” riuscirà a realizzarne circa una decina a partire da questa settimana ed entro la fine dell’anno. Si inizia sabato 12 settembre con la partecipazione di un organico molto ridotto della Banda giovanile al Festival Metamorfosi promosso da Teatro 19 e successivamente è programmata la Rassegna Bandistica “Giovanni Ligasacchi” all’Auditorium San Barnaba, dal 25 ottobre al 13 dicembre.
Una formula necessariamente tutta nuova per questa edizione che prevede la presenza sul palcoscenico di gruppi strumentali di massimo 10 esecutori. La capienza della sala è limitata a 100 posti a sedere rispetto ai quasi 400 utilizzati normalmente. Il programma della manifestazione sarà diffuso nei primi giorni di ottobre.
Dopo moltissimi anni il 20 dicembre la Banda cittadina non chiuderà la propria stagione concertistica con il tradizionale appuntamento al Teatro Grande. Il necessario distanziamento non permette la presenza sul palcoscenico dell’intero organico (ce ne starebbe circa la metà) e la sala sarebbe a disposizione del pubblico per un terzo della sua reale capienza.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.