Quantcast

A2a-Lgh, anticorruzione apre istruttoria

L'autorità vuole vederci chiaro nell'intesa finale. Il fascicolo si aggiunge a quello dell'Agcm che deciderà il 2 luglio. "Motivi su trattativa privata".

(red.) Prima l’antitrust e adesso l’autorità nazionale anticorruzione. E’ una lunga e travagliata gestazione quella dell’intesa tra la società municipalizzata A2a e Lgh, in cui la prima ha acquisito il 51% della seconda. Una situazione che il 23 maggio ha portato l’autorità garante per la concorrenza e il mercato ad aprire un’istruttoria sostenendo la possibile posizione dominante che il gruppo allargato avrebbe in Lombardia nella distribuzione del gas metano e gestione dei rifiuti.
Ma la notizia, di cui scrive il Corriere della Sera, è l’apertura di un altro fascicolo anche da parte dell’anticorruzione. Appoggiando la richiesta dei parlamentari e consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle di tre mesi prima, martedì 21 giugno ha notificato il via di un’istruttoria per verificare se l’intesa sia legittima. In particolare, contesta il fatto che il tutto sia avvenuto con una trattativa privata e senza lanciare una gara pubblica. Per questo motivo, ha chiesto a Cogeme, Aem Cremona, Asm Pavia, Astem di Lodi e Scs Crema di fornire i dettagli e i motivi di questa operazione. In più, secondo il Corriere, ha chiesto se ci sia l’interesse alla fusione, possibile nel 2019 quando scadranno i patti parasociali.
I soci che fanno parte di Linea Group Holding hanno un mese di tempo per inviare la delibera del consiglio di amministrazione, l’intesa con A2a e il documento sui patti. A quel punto, i referenti delle società potrebbero incorrere in multe, ma secondo Lgh non inciderà sull’intesa finale che dovrebbe arrivare a metà luglio. Il 2, infatti, si pronuncerà l’antitrust sulla prima istruttoria. Da una parte il M5s aveva parlato di una “svendita” riferita ai 113 milioni con cui si sta compiendo l’operazione, ma dall’altra A2a parla di una partnership strategica che non avrebbe avuto bisogno di una gara pubblica. L’autorità anticorruzione si pronuncerà solo a dicembre.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.