Quantcast

A2a, Brescia pronto a cedere quote

Lo ha anticipato il sindaco Del Bono lunedì 21 a margine dell'incontro sulla smart city. Ma prima sentirà il primo cittadino di Milano Pisapia.

Più informazioni su

A2a(red.) Il convegno promosso da A2a a Brescia lunedì 21 marzo e relativo alle nuove tecnologie all’insegna delle “smart cities” è stata anche l’occasione per il sindaco Emilio Del Bono di definire la posizione di palazzo Loggia. Attualmente il Comune di Brescia e quello di Milano hanno la maggioranza all’interno del board della società di servizi. Ma il primo cittadino Del Bono ha sottolineato l’intenzione di voler cedere delle quote, passando a un controllo sotto il 50%. A fronte della vendita di alcune azioni, in Loggia potrebbero arrivare milioni di euro freschi da investire sul territorio, tra lavori e altre opere.
In ogni caso ha anticipato che ne parlerà con il suo omologo di Milano, Giuliano Pisapia, visto che che tra i due enti locali deve essere rinnovato il patto d’intesa sul controllo della multiutility. Ma da Brescia si spera di affrontare il discorso solo dopo giugno, quando Milano avrà concluso le elezioni amministrative e si vedrà rinnovato sindaco e consiglio comunale.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.