Quantcast

Bilancio A2a, da settembre 4 progetti

Giovedì 16 luglio è stato presentato a Milano il bilancio di sostenibilità del 2014. Unica nota negativa è la raccolta differenziata ferma al 38%.

Più informazioni su

A2a(red.) Giovedì 16 luglio il presidente di A2a Giovanni Valotti ha presentato il bilancio di sostenibilità del 2014 e quattro interventi che saranno fatti da settembre. I progetti sono stati valutati tra altri venti dopo un incontro a giugno che ha visto al tavolo clienti, associazioni dei consumatori, sigle ambientali, fornitori e imprenditori. In ogni caso, per i dettagli se ne parlerà dopo l’estate. Il bilancio è stato presentato alla Casa dell’Energia e dell’Ambiente a Milano parlando di investimenti e obiettivi. Per quanto riguarda il fronte bresciano della partecipata, 4 milioni di euro sono stati messi per la rimozione del cromo esavalente dall’acqua ed entro la fine dell’anno sarà completamente rimosso.
Poi ci sono 12 milioni spesi per sostituire le lampadine d’illuminazione pubblica e che porteranno a un risparmio di energia. Poi i lavori alla centrale di via Lamarmora. L’unico punto negativo espresso dall’assemblea è la raccolta differenziata ferma al 38% e per la quale in autunno arriverà un piano più definito. Sarà anche firmato un protocollo d’intesa con le università degli Studi e la Cattolica. Il bilancio del 2014 parla di 1,4 miliardi di euro di utili e oltre 300 milioni di investimenti. Di questi, sono stati dedicati all’ambiente, al calo delle emissioni e per l’efficienza energetica. Si parla anche di emissioni di biossido di carbonio in meno tramite l’energia idroelettrica, cogenerazione e recupero dell’energia dei rifiuti e soldi per eventi sportivi, culturali ed economici. Spazio anche al teleriscaldamento in 386 mila appartamenti. Nel 2014 a livello nazionale sono stati assunti 314 dipendenti. Secondo un’indagine di R&S MedioBanca la società e al primo posto come migliore partecipata d’Italia.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.