Quantcast

A2A, restare o meno in Montenegro?

Nei giorni scorsi i vertici della utility lombarda a Podgorica per valutare la prosecuzione o meno della partnership con Epcg.

(red.)  I nuovi vertici di A2A, la multiutility dei Comuni di Brescia e Milano, hanno incontrato in questi giorni le autorità politiche del Montenegro per ”verificare le condizioni per la continuazione della partnership strategica, tuttora in atto in Epcg, tra A2A e lo Stato del Montenegro”.
Sul tavolo ci sono i termini e le condizioni per il rinnovo della partnership, ha spiegato l’azienda in una nota.
L’incontro si è svolto tra il presidente dell’ utility lombarda, il bresciano Giovanni Valotti, e l’amministratore delegato, Luca Valerio Camerano con i vertici di Governo dello Stato del Montenegro non sembra portare gli investitori sulla strada delle vendite.
I vertici della utility lombarda si sono recati a Podgorica in questi giorni per incontrare il primo ministro, Milo Djukanovic, il vice premier, Vuijca Lazovic, e il ministro dell’Economia, Vladimir Kavaric.
Elektroprivreda Crne Gore AD Niksic è l’ex azienda statale dell’energia del Montenegro, nella quale A2A dal 2009 ha una partecipazione del 43,7% del capitale, quota scesa al 41,75% dopo il recente aumento di capitale. Il governo del Montenegro dalla fine di quest’anno ha la possibilità di rilevare la quota di A2A nell’azienda elettrica locale a fair value.
Lo scorso 1 agosto l’ad Camerano, in merito alla possibilità di uscire da questo investimento, aveva sottolineato che si tratta di «una realtà che pian piano sta migliorando la propria capacità operativa. Valuteremo gli ulteriori passi da fare all’interno del piano industriale, ma al momento non vedo motivo di tornare indietro».
Oggi, tra l’altro, dalle comunicazioni della Consob relative alle variazioni delle quote rilevanti è emerso che lo scorso 1 ottobre Ubs ha ridotto all’1,949% la partecipazione detenuta nel capitale di A2A dal precedente 2,042% (di cui lo 0,524% senza diritto di voto) del 23 aprile 2014. In borsa l’azione A2A al momento perde più del mercato: -2,29% a quota 0,7245 euro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.