A2A viaggia verso la nuova governance

I sindaci di Brescia e Milano lo hanno confermato in un incontro che si è svolto giovedì. La utility darà l'addio al duale, per rendere più efficiente il governo dell’azienda.

(red.) E’ stato un incontro all’insegna della cordialità quello che si è svolto a Palazzo Marino, giovedì 8 agosto, tra i sindaci di Brescia Emilio Del Bono e di Milano Giuliano Pisapia per discutere dell’attuale e futura governante della multiutility A2A, di cui i due municipi sono i principali azionisti.
Entrambi i primi cittadini hanno espresso soddisfazione per l’andamento positivo della Semestrale di A2A, garanzia di un’ottima performance su scala annuale.
Questo risultato, hanno sottolineato Pisapia e Del Bono, potrà generare ritorni importanti a beneficio delle comunità locali.
I due sindaci hanno deciso che in autunno si darà vita ad un gruppo di lavoro congiunto tra le due amministrazioni, con l’obiettivo di mettere a punto una revisione significativa dell’attuale governance dell’ex municipalizzata in direzione di un superamento dell’attuale modello duale. L’obiettivo è quello di rendere più efficiente e meno costoso il governo dell’azienda, «così da rendere la utility sempre più un punto di riferimento positivo sui mercati non solo nazionali», come si legge in una nota congiunta diffusa dopo l’incontro.
Del Bono e Pisapia hanno condiviso altresì l’obiettivo di rinnovare i patti parasociali, seguendo l’indirizzo già espresso dai consigli comunali di Milano e Brescia. Non si è trattato, invece, come già anticipato in una nota diffusa nella giornata di giovedì, dell’ipotesi di cessione del 5% delle quote azionarie della multiutility.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.