Energia in difficoltà, 400 esuberi per A2A

Lo rivela un articolo di Repubblica. Ferme a rotazione quattro centrali del gruppo (Chivasso, Sermide, Turbigo e Cassano). Il personale verrà messo in cassa integrazione.

Più informazioni su

(red.) La crisi morde le imprese che, di conseguenza, consumano meno elettricità, risultato? Esuberi nel settore della produzione energetica. Lo rivela un articolo di Repubblica secondo cui anche A2A, multiutility nata dalla fusione tra Asm Brescia e Aem Milano, sarebbe costretta a ridurre il personale.
Secondo il quotidiano, l’utility lombarda avrebbe già accennato ai sindacati un esubero di 400 persone. Non solo. L’azienda fermerà, a rotazione, quattro centrali: Chivasso, Sermide, Turbigo e Cassano. Il personale verrà messo in cassa integrazione.
A2A non è l’unica società del settore a essere in difficoltà. Edison ha parlato di 40 esuberi e lo stop per gli impianti di Sarmato, Porto Vito e Jesi. E.On, invece, ha parlato di 200 dipendenti in eccesso, 120 dei quali nel sito produttivo di Fiume Santo, in Sardegna.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.