Quantcast

A2A, accorpamento con Edipower?

Lo ha detto a Quotidiano Energia il direttore generale dell'utility lombarda, Renato Ravanelli. Secondo QE, il 'divorzio' fra A2A ed Iren è altamente probabile.

Più informazioni su

(red.) Iren fuori e accorpamento in A2A: sembra questo il destino che attende a breve Edipower, la ex Genco appena rilevata da Edison in base agli accordi con Edf.
“Dobbiamo cercare le soluzioni che ci permettano di sfruttare al meglio le sinergie tra Edipower e A2A (la multiutility dei comuni di Brescia e Milano) e tra queste c’è anche l’accorpamento”, ha detto a Quotidiano Energia il direttore generale dell’utility lombarda, Renato Ravanelli.
“Per fine anno”, ha spiegato il manager , “completeremo la fusione di Delmi in Edipower. Poi, a inizio 2013, scatta la prima finestra dell’opzione put/call sul 20,5% di Iren, che dà a noi la possibilità di rilevare la quota e a loro quella di venderla in cambio di centrali. Ognuna delle due società valuterà secondo la propria convenienza, seppure in piena armonia di rapporti. Dico solo che per noi una maggiore integrazione e’ indispensabile per aumentare le sinergie”.
Secondo QE, il ‘divorzio’ fra A2A ed Iren è altamente probabile: ancora devono essere valutati nel dettaglio i pro e i contro ma una decisione potrebbe arrivare entro un paio di settimane. In base agli accordi, Iren otterrebbe in cambio del 20,5% l’impianto gas e o.c. di Turbigo da 1.770 MW e l’idro di Tusciano da 96 MW. I restanti 5.900 MW circa di Edipower verrebbero poi integrati in A2A, che grazie alla quota Iren salirebbe al 76% nella ex Genco, con Sel e DE al 7% ciascuno, Mediobanca al 4,2%, Crt al 3,5% e Bpm al 2,1%.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.