Quantcast

Muore a sei mesi dall’infortunio

Giambattista Gritti, muratore 38enne di Castrezzato, il 30 aprile era rimasto ferito gravemente in un cantiere del Lodigiano.

Più informazioni su

    (red.) E’ morto a sei mesi dal grave infortunio sul lavoro avvenuto nel lodigiano. E’ spirato domenica 2 novembre Giambattista Gritti, muratore 38enne di Castrezzato (Brescia) che lo scorso 30 aprile, mentre era impegnato nello smontaggio di un ponteggio all’interno del cantiere all’ospedale Delmati di Sant’Angelo Lodigiano, era rimasto vittima di un gravissimo incidente.
    Gritti si trovava a terra, mentre dall’alto i colleghi, con una carrucola, stavano facendo calare i pezzi di legno utilizzati per l’impalcatura. Improvvisamente, un pezzo di legno della lunghezza di 80 centimetri è precipitato, colpendo al capo l’uomo. Le condizioni del 38enne sono apparse subito critiche: dopo un primo ricovero al San Raffaele di Milano ed un delicato intervento chirurgico, il muratore di Castrezzato era poi stato trasferito in una stuttura a lunga degenza di Coccaglio dove, proprio domenica, è sopraggiunto il decesso.
    Gritti lascia i genitori, con cui viveva nell’abitazione di via Volta. Grande cordoglio ha suscitato nel paese bresciano la scomparsa del 38enne. I funerali si terranno probabilmente mercoledì, con orario ancora da fissare.

    Più informazioni su

    Commenti

    L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.