Tpl, così cambierà il servizio su autobus, treni e metro

Per il ritorno a scuola a settembre classi dimezzate (in aula e a distanza) con due orari diversi a ingresso e uscita.

(red.) Nella giornata di ieri, lunedì 27 aprile, si è svolto un incontro (in videoconferenza) a Brescia dedicato alle nuove misure da adottare per il trasporto pubblico. E sono previste novità sia per la metropolitana (al massimo potrà essere riempita per il 20%) e per gli autobus, che siano di Brescia Trasporti o Sia. La necessità del distanziamento sociale si dovrà adottare soprattutto dal prossimo 4 maggio quando diverse attività riapriranno, così come dal 18 maggio per i negozi e da giugno con bar, ristoranti e parrucchieri. Ma il vero punto caldo sarà a settembre quando riapriranno le scuole.

Dal punto di vista dei trasporti, sui sedili saranno posti dei “marker” per indicare quelli dove non ci si può sedere e altri adesivi a terra per indicare dove stare. In metropolitana a Brescia (non più di 45-50 persone per treno) sarà diviso anche il flusso dei passeggeri in entrata e uscita, con porte dedicate all’ingresso e quelle all’uscita. In più, ci saranno cartelli all’altezza delle stazioni metro e degli autobus. Regole simili anche per i treni, a partire da Trenord, che non potranno trasportare più del 30-40% dei passeggeri rispetto al periodo pre-emergenza. La platea di passeggeri dovrà essere distribuita nel corso della giornata e senza orari di punta, imponendo ai pendolari di presentarsi con anticipo e mettersi in fila prima di salire a bordo.

L’applicazione di Trenord metterà a disposizione anche una funzione per capire il livello di riempimento. Misure che riguardano anche i treni a lunga percorrenza con posti prenotati, ma a scacchiera e servizio ristoro sospeso fino all’1 giugno, quando potranno riaprire i bar. E a settembre si attende una rivoluzione per quanto riguarda il ritorno a scuola. Ieri, al tavolo telematico, è arrivata una proposta che potrebbe essere l’unica da attivare. Le classi saranno dimezzate con studenti in aula e altri a distanza a rotazione. Ma non solo, perché si prevedono due ingressi (alle 8 e alle 9,30) e due uscite in corrispondenza del viaggio di andata e ritorno degli autobus. Questo piano sarà presentato entro maggio alle famiglie per poi definirlo in vista di settembre.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.