Coronavirus, a Pasqua e Pasquetta niente bus extraurbani

Due giorni festivi senza mezzi pubblici tra città e provincia. In città gli autobus saranno ridotti al lumicino.

(red.) I passeggeri dei mezzi pubblici sono sempre di meno considerando le disposizioni sanitarie in corso per il virus che prevedono di restare a casa e quindi c’è chi preferisce l’auto per recarsi al supermercato, al lavoro o altri casi di estrema necessità. Di conseguenza la richiesta degli autobus è sempre minore e per questo motivo in provincia di Brescia si è decisa un’ulteriore riduzione delle corse.

In particolare, domenica 12 aprile di Pasqua e lunedì 13 di Pasquetta l’intero servizio extraurbano verrà cancellato. Quindi, niente mezzi tra la città e il resto della provincia, anche verso il mantovano. Gli unici mezzi attivi saranno i bus cittadini di Brescia Trasporti disponibili mezza giornata a Pasqua e il servizio festivo invernale per Pasquetta.

La riduzione delle corse come era già prevista da giorni in questo periodo di emergenza è stata quindi prorogata, ma non si escludono nuove riduzioni del servizio. E nel frattempo, con vista al periodo post-virus, anche gli autobus potrebbero subire delle modifiche strutturali per favorire il distanziamento sociale tra i passeggeri.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.