Quantcast

Tpl, nuova stretta sui mezzi pubblici. Verso stop di domenica

Ci sono anche troppi furbetti che approfittano del servizio per raggiungere altri paesi senza motivo.

Più informazioni su

(red.) Dalla prossima settimana, dopo lunedì 23 marzo, il settore del trasporto pubblico locale tra città e provincia di Brescia potrebbe subire un taglio ancora più marcato. Tanto che dall’attuale 40% di mezzi attivi si potrebbe scendere al 20%. Di certo il trasporto pubblico non può essere eliminato, visto che ci sono passeggeri che si servono per motivi di necessità legati alla spesa, al lavoro e alla salute.

Il problema riguarda il fatto che c’è chi ne approfitta e per sfuggire ai controlli delle forze dell’ordine sale sui mezzi senza alcun motivo. Soprattutto da parte dei ragazzi che si ritrovano in alcuni Comuni nonostante i divieti di assembramenti. L’idea, alla quale stanno lavorando l’agenzia del trasporto pubblico di Brescia, Sia-Arriva, Brescia Trasporti e Regione Lombardia, è anche di sospendere il servizio la domenica.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.