Brescia sempre più smart, autobus a portata di cellulare

Alle paline e sull'applicazione Bresciapp si può vedere a quale orario un bus arriverà a una determinata fermata.

(red.) E’ una rivoluzione nel modo di servirsi dei trasporti pubblici locali quella lanciata a Brescia e la prima in Italia. I passeggeri che intendono salire sugli autobus della flotta di Brescia Trasporti possono sapere in tempo reale dove si trova e a quale orario il mezzo che devono prendere raggiungerà una determinata fermata. E il meccanismo è ancora più semplice perché le informazioni arrivano anche sull’applicazione Bresciapp! scaricabile sul cellulare da tutte le piattaforme.

Chi si trova in casa o in altri luoghi può valutare la fermata dell’autobus più vicina alla propria posizione e anche sapere precisamente quando il mezzo giungerà a destinazione. Compresi eventuali anticipi o ritardi. L’iniziativa, sviluppata nel corso di quattro anni e che ha richiesto un investimento di 1,350 milioni di euro (dall’azienda di via San Donino e dalla Regione Lombardia) è stata presentata ieri. A illustrarla sono stati il sindaco Emilio Del Bono, l’assessore alla Mobilità Federico Manzoni, il presidente di Brescia Mobilità Carlo Scarpa, il direttore generale Marco Medeghini e gli amministratori di Brescia Trasporti Ezio Cerquaglia e Claudio Garatti.

Tecnicamente, tutti i 218 bus delle diciassette linee sono dotate di gps che comunicano con le paline elettroniche alle fermate e anche con la centrale. Sono un centinaio le paline elettroniche alle quali se ne aggiungeranno altre 130 di nuova generazione. E in futuro potranno “dialogare” con i semafori per rendere più veloci i percorsi e persino conoscere – anche per i turisti – cosa si trova intorno a quella fermata scelta. Ma non solo per i mezzi di Brescia Trasporti, perché la tecnologia riguarderà anche le linee 7, 10 e 13 gestite dalla Sia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.