Mille Miglia, arrivato via libera dalla prefettura: la corsa storica si farà

Oggi dalle 14 in piazza Vittoria la punzonatura solo con gli equipaggi. Molte le modifiche anti-Covid al percorso.

(red.) La 38° edizione della rievocazione storica della Mille Miglia si farà. L’esito affermativo, di cui scrive l’Ansa, è arrivato questa mattina, mercoledì 20 ottobre, dal tavolo per l’ordine e la sicurezza pubblica convocato dal prefetto di Brescia Attilio Visconti. Quindi, via libera alla corsa delle auto storiche che partirà domani, giovedì 22 ottobre, nel consueto tragitto da Brescia verso Roma e ritorno. La manifestazione era in programma lo scorso maggio, ma le disposizioni sanitarie a pochi giorni dalla fine del lockdown avevano portato a rinviare l’appuntamento.

E nonostante il parere negativo che la Regione Lombardia aveva espresso sullo svolgimento, il vertice di stamattina ha confermato che la nuova edizione della Mille Miglia si farà. Ma ovviamente con una serie di prescrizioni e un protocollo di sicurezza anti-Covid senza precedenti. Già sottolineato che non ci saranno le Frecce Tricolori e nemmeno il transito nel centro storico di Brescia e in Castello per evitare assembramenti, le auto in partenza da viale Venezia raggiungeranno subito via Mantova e da lì fino a Rezzato nella prima tappa.

Sembrano essere esclusi anche i transiti nei centri abitati di Desenzano del Garda e Sirmione, ma altre limitazioni sono previste anche nelle città dove la corsa transiterà. Per esempio, a Ferrara dove una piazza sarà chiusa, così come a Urbino e Parma. Con la conferma della partenza, oggi alle 14 in piazza Vittoria a Brescia inizieranno le procedure di punzonatura con la sola presenza degli equipaggi partecipanti, mentre resterà chiusa agli altri. Alla partenza sono previste 375 vetture e nel pomeriggio di oggi è attesa una conferenza stampa per presentare i dettagli della corsa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.