Quantcast

Mille Miglia, Deutsche Bank main sponsor

Dopo dieci anni di Ubi, il colosso tedesco si è aggiudicato il ruolo di "Trophy Race" fino al 2022. La corsa tornerà dal 16 al 19 maggio sulla Brescia-Roma.

Più informazioni su

(red.) Per i quattro anni successivi al 2018, fino al 2022, sarà il noto istituto di credito tedesco Deutsche Bank il “Trophy Race Sponsor” e quindi partner principale della corsa per auto storiche Mille Miglia che in questa edizione torna dal 16 al 19 maggio, come di consueto, sul percorso Brescia-Roma. Deutsche Bank sarà con la casa svizzera di orologi Chopard e la Mercedes Benz nella lista dei principali sponsor. Dopo dieci anni di Ubi Banca, quindi la parte finanziaria della corsa prende una via tedesca.

In qualche modo è un aspetto positivo per Aldo Bonomi, presidente della 1000 Miglia Srl, perché la rassegna prende sempre più una piega internazionale. Ed emerge che l’offerta presentata dal colosso tedesco sarebbe stata più alta e di molto rispetto a quella di Ubi. “Sono felice di accogliere Deutsche Bank fra i nostri partner. La solidità di un gruppo bancario internazionale che si sposa con una capillare diffusione sul territorio italiano è per noi un aspetto fondamentale: la base dalla quale partire nella costruzione di un progetto condiviso che accompagni la Freccia Rossa in Italia e ovunque nel mondo, sposandone appieno i valori” si legge in una nota diffusa da Bonomi.

“Siamo felici ed estremamente orgogliosi di essere il nuovo partner di 1000 Miglia, uno dei simboli dell’italianità più amati e apprezzati in tutto il mondo – ha aggiunto Flavio Valeri che è Chief Country Officer di Deutsche Bank in Italia.- Questa partnership rafforza ulteriormente il nostro legame con il territorio e ci permette di condividere il percorso di internazionalizzazione del brand 1000 Miglia insieme ai nostri clienti e ai tanti appassionati che seguono la gara”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.