Quantcast

Il metrò di Brescia “fa scuola” a 70 studenti

Una delegazione di universitari e dottoranti delle facoltà di ingegneria civile, dell’ambiente, del territorio e architettura di Parma, ha fatto visita alla metropolitana.

(red.) Visita tecnica e di studio venerdì scorso, 3 maggio, a Brescia. Una delegazione composta da 70 studenti e dottorandi di Ricerca dell’Università degli studi di Parma, dipartimento di ingegneria civile, dell’ambiente, del territorio e architettura, ha fatto visita alla metropolitana e ad alcuni parcheggi in struttura di cittadini.
Guidati dal prof. Felice Giuliani, titolare fra l’altro nell’ateneo emiliano del corso di ingegneria delle infrastrutture viarie e dei trasporti, la rappresentanza è stata accolta presso la sede operativa della Metropolitana dai presidenti di Brescia Mobilità, Valerio Prignachi, e di Metro Brescia, Ettore Fermi e dal direttore generale Marco Medeghini.
Sono stati quindi accompagnati per la visita di studio al Posto Centrale Operativo, alle strutture di servizio del Deposito di S.Eufemia e in un breve viaggio in treno così da poter visitare alcune stazioni, in particolare quelle di San Faustino, Vittoria e FS. Nella prima i visitatori hanno potuto valutare ed apprezzare le soluzioni adottate per la valorizzazione dei reperti ritrovati, in particolare l’arcata sud del ponte ottocentesco e porzioni di mura venete.
Inoltre, la comitiva, ha potuto prendere visione delle soluzioni innovative rappresentate dai parcheggi meccanizzati S.Domenico e Benedetto Croce, il nuovo parcheggio di piazzale Arnaldo e gli ultimi lavori effettuati al Piano -1 del parcheggio di Piazza Vittoria, con la predisposizione di un’area di sosta in grado di garantire 71 nuovi posteggi riservati ai residenti di imminente apertura.
Vivissimo è stato l’apprezzamento manifestato dalla delegazione, sia per le infrastrutture visitate che per il sistema Brescia, a conferma dell’importanza degli scambi di esperienze tecniche di alto livello tra le città medie.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.