Pioggia e vento, a Palazzolo una casa scoperchiata

Tra la sera e la notte diverse richieste di intervento ai vigili del fuoco per alberi caduti e anche cantine allagate.

(red.) Mercoledì 1 luglio intorno all’ora di pranzo il maltempo aveva colpito la Valtenesi, sull’alto lago di Garda, ma anche ieri sera, giovedì 2, le annunciate precipitazioni non hanno mancato di provocare problemi, danni e disagi nel bresciano. Nella maggior parte dei casi si parla di alberi e piante cadute a causa del forte vento, strade diventate come fiumi per i tombini che non riuscivano a drenare l’acqua e cantine allagate. Una delle zone più colpite è stata la Franciacorta e la parte occidentale della provincia.

A Palazzolo, infatti, i vigili del fuoco sono stati impegnati in via Gazzolo dopo che una villetta familiare si è vista portare via il tetto dalla furia del vento e obbligando i residenti all’evacuazione e a trovare una nuova sistemazione in attesa dei lavori e della messa in sicurezza. Oggi, venerdì 3 luglio, sono attesi nuovi controlli e potrebbe essere dichiarata l’inagibilità della residenza. Il maltempo da queste parti si è scatenato dopo le 22 provocando danni e disagi anche ad Erbusco e Adro tra rami caduti e cartelli stradali finiti a terra.

Ma ieri sera non solo la Franciacorta è stata colpita. Sul lago di Garda sono stati segnalati nuovi episodi di alberi caduti e cantine allagate tra Padenghe e Desenzano. E sempre sul Benaco, nella notte tra mercoledì e giovedì in piazza Vittorio Emanuele II a Salò un grosso ramo di uno storico ippocastano è caduto a terra portando gli operatori alla messa in sicurezza. A Tremosine, invece, si è formata una voragine su una strada nei pressi di un cantieri. Ieri sera e per tutta la notte sono state centinaia le chiamate di richiesta di intervento ai vigili del fuoco anche da parte di Brescia città e dalla Bassa, dove si sono registrati alcuni blackout e canali esondati per le forti piogge.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.