“Bombe d’acqua” su Valcamonica e Sebino

Il temporale che venerdì 3 luglio ha flagellato il bresciano ha colpito soprattutto la valle sul lago d'Iseo. Cantine allagate e rami caduti.

Maltempo(red.) La Valcamonica e il Sebino bresciano sono state le zone più colpite venerdì 3 luglio dal violento temporale che si è abbattuto sulla provincia nel pomeriggio. Prima le raffiche di vento e poi la pioggia e la grandine hanno flagellato il territorio, richiedendo l’intervento dei vigili del fuoco. Sul lago d’Iseo, per esempio, tra Montisola e Sale Marasino hanno recuperato una barca con a bordo due turisti che stava andando alla deriva spinta dalle onde.
In Valcamonica è stata segnalata una caduta di rami e tegole, cantine e strade allagate tra Darfo e nei sottopassi di Capodiponte e Sellero. A Paisco Loveno l’acqua è uscita dai tombini. I pompieri sono stati impegnati per diverse ore, finché non ha smesso di piovere. Proprio le “bombe d’acqua” cadute in zona potrebbe essere la causa dell’incidente che ha coinvolto due camion e dell’investimento di un’anziana.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.