Agorà: un’esperienza d’arte unica, da vivere a Bordighera fotogallery

Più informazioni su

    Dal 20 al 23 agosto il centro storico di Bordighera diventerà scenario di Agorà, evento d’arte contemporanea che nel 2020 raggiunge la XVI edizione.

    Quest’anno la rassegna nasce dalla collaborazione tra Massimo Mininni, chef curator della Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma, e l’Accademia Riviera dei Fiori Giuseppe Balbo, prestigiosa realtà cittadina che da settanta anni continua l’opera di formazione di talenti avviata dal suo fondatore. Protagonista Emiliano Maggi, artista romano classe 1977, con il progetto The Nymphs Orchestra: una installazione in cui materia e suono si uniranno per narrare in modo inedito il mito delle Ninfe attraverso la loro trasformazione in albero, in strumenti musicali ibridi e, infine, in un concerto polifonico.

    Nel corso delle quattro serate le sculture vestiranno quindi di un’atmosfera speciale le piazzette di Bordighera alta, per una passeggiata alla scoperta dell’arte di Maggi e, nel contempo, di uno dei borghi più belli della riviera di ponente. Non solo: il 20 ed il 23 agosto l’artista sarà protagonista di due diverse performances, che apriranno e chiuderanno idealmente l’esperienza di Agorà 2020 con momenti di grande valenza espressiva, in cui lasciarsi coinvolgere. Venerdì 21 e sabato 22 invece, come manifestazione collaterale alla rassegna, il musicista Marco Balbo terrà, insieme ad alcuni ospiti, due suggestivi concerti. In ogni data la presenza della Polizia Municipale e dei volontari di Protezione Civile garantirà il monitoraggio affinchè siano rispettate tutte le necessarie misure anticontagio Covid-19.

    Nello stesso fine settimana, altri due eventi confermeranno il legame tra Bordighera ed il mondo dell’arte. Da sabato 22 agosto il centro culturale dell’ex Chiesa Anglicana aprirà le sue porte ad “Una timida Antologia”, personale di Pino Venditti, artista che guarda alla natura e al cielo del ponente ligure con sensibilità e talento unici. La mostra sarà aperta fino al 12 settembre dal martedì alla domenica, in orario 18.30 – 22.30; sabato 22 agosto la visita sarà possibile esclusivamente su prenotazione, da effettuarsi al numero 0184 262882 o presso l’Ufficio IAT di Bordighera entro le quarantotto ore precedenti.

    Infine il 22 agosto alle ore 21, nella Chiesa di Santa Maria Maddalena in paese alto, la storica dell’arte Anna Manzitti racconterà il gruppo marmoreo Maddalena in gloria di Filippo e Domenico Parodi; ospiti della serata l’associazione Pro Musica Antiqua – Savona, che eseguirà musiche di Festa, Ruffo, de Bardi e Mozart, e Pino Petruzzelli, che leggerà brani di Jacopo da Varagine. La partecipazione all’appuntamento potrà avvenire solo su prenotazione, anche in questo caso al numero 0184 262882 o presso l’Ufficio IAT cittadino entro le ore 12 di giovedì 20 agosto.

    Il progetto “The Nymphs Orchestra” e la biografia di Emiliano Maggi.

    Più informazioni su

    Commenti

    L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.