Addio a Irene Fargo, la cantante bresciana che incantò Sanremo

L'artista, all'anagrafe Valeria Pozzaglio, era originaria di Palazzolo sull'Oglio. Oltre alla musica calcò le scene dei teatri. Dopo momenti difficili che la tennero lontana dal palco, tornò a collaborare con grandi artisti. Si è spenta per malattia il 1 luglio.

Palazzolo sull’Oglio. Il mondo della musica bresciana ed italiana piange la scomparsa di Irene Fargo, nome d’arte di Valeria Pozzaglio,deceduto venerdì 1 luglio a Brescia, a 59 anni, dopo una lunga malattia.
La morte dell’artista, che aveva calcato anche le scene dei teatri italiani, è stata annunciata su Facebook dall’amica e collega Giovanna Nocetti: «Ciao Irene, voglio ricordarti così. Ci siamo volute bene sinceramente. Mi mancherai.. Riposa in pace».

Nata a Palazzolo sull’Oglio nel 1962, ha debuttato sul palco del Festival di Castrocaro nel 1987 con il suo vero nome e la canzone “Fretta di te”.
Dopo l’incontro con Enzo Miceli assume il nome d’arte di Irene Fargo che comincia a definire il personaggio che permetterà di farla conoscere a livello nazionale. Dopo un ritorno nel 1988 al Festival di Castrocaro e il 45 giri d’esordio Dialoghi/Meccanismi, nel 1990 il disco d’esordio preceduto dal singolo estivo Le Ragazze Al Mare.

Nel 1991 Irene partecipa al Festival di Sanremo e si classifica seconda nella categoria nuove proposte con il brano La donna di Ibsen, il cui testo è ispirato ad un testo teatrale del drammaturgo norvegese Henrik Ibsen intitolato La donna del mare. Il 45 giri, che fa da traino all’album inciso l’anno precedente conosce un successo inconsueto per un partecipante alle nuove proposte che non avesse vinto, sfiorando l’ingresso nella Top Ten.
È del 2005 l’ultimo cd di Irene, una serie di cover dal titolo Insieme contenente alcuni inediti, tra i quali il tema portante del film Nel mio amore, che ha visto l’esordio alla regia della scrittrice Susanna Tamaro.

Irene ricopre il ruolo di protagonista in alcuni musical: Il ritratto di Dorian Gray (Maryanne), I promessi sposi (la monaca di Monza e la madre di Cecilia), Masaniello (la viceregina di Napoli) per la regia di Tato Russo, e Cleopatra (Carmian) per la regia di Claudio Insegno.
Nel 2012 è nel cast fisso della trasmissione Estate Con Noi condotta da Paolo Limiti su Rai 1.

Improvvisamente Irene Fargo era scomparsa dalle scene. Per un po’ di lei non si era più saputo nulla, fin quando non ebbe il coraggio di lasciarsi alle spalle quello che era stato il suo momento più difficile. Raccontandosi in televisione, ospite di Chi l’ha visto? e di Pomeriggio 5, aveva raccontato di essere stata vittima di violenze da parte di suo marito: «Il mostro lo avevo in casa, lui mi picchiava e io fingevo di essere morta». «Pensavo: ‘Questo non è l’uomo che ho sposato’. Mi ha portato all’isolamento, se mi contattavano per lavoro, rispondeva che ero ricoverata in ospedale per una malattia terminale» – aveva rivelato la cantante.
Alla fine, dopo anni di abusi, Irene aveva trovato il coraggio di mettere fine al suo matrimonio ed era ripartita la sua carriera, tornando sulle scene e collaborando con grandi artisti come Gigi D’Alessio, Lucio Dalla e Renato Zero.

Proprio quest’ultimo, non molto tempo fa, aveva dedicato ad Irene parole bellissime sul suo profilo Facebook: «Abbiamo amici fortunati e altri a cui la sorte ha riservato un percorso più difficile. Irene Fargo è un’anima buona e generosa. Un’artista sensibile e appassionata. Il mio pubblico sa da sempre dove posare lo sguardo e a chi consegnare il proprio cuore. Sono certo che la nostra carezza ad Irene le sarà davvero gradita e le farà un gran bene».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.