Quantcast

Vallesabbia, colletta e veglia per i cinque ragazzi morti a Rezzato

Una iniziativa spontanea, lunedì sera a Nozza, ha raccolto in piazza un migliaio di persone per ricordare i cinque amici scomparsi. Avviata una raccolta fondi per aiutare le famiglie.

(red.) Una raccolta fondi per aiutare le famiglie dei cinque ragazzi deceduti nel tragico schianto avvenuto sabato notte a Rezzato.
La campagna è stata avviata su una piattaforma di foundraising (https://gofund.me/0a58) e, nella prima giornata, ha toccato quota 9mila euro.
Si tratta di un sostegno concreto, in particolare per sostenere i tre nuclei che dovranno rimpatriare in Marocco le salme delle giovani vittime, Imad El Harram 20 anni, di Preseglie, il coetaneo Imad Natiq di Vestone e suo cugino Salah Natiq di 22 anni

Ad organizzare la raccolta fondi (obiettivo 10mila euro) è Yassin Kouisi, 20enne amico dei giovani tragicamente scomparsi.
Quanto raccolto, è stato spiegato, verrà suddiviso in parti uguali tra le cinque famiglie, che decideranno come utilizzare il denaro donato.
Già 400 i donatori, per lo più anonimi che hanno aderito alla campagna, e tra chi ha lasciato il proprio nominativo ci sono sia italiani che stranieri. Un gesto di generosità trasversale, che unisce nel dolore sia chi è nato nel bresciano e chi, di questa terra aveva fatto la sua casa d’elezione, sentendosi parte della comunità a cui apparteneva.
Nella serata di lunedì è stata anche promossa un’iniziativa spontanea per ricordare i cinque ragazzi morti nel frontale di sabato sera: in Piazza Mercato a Nozza si sono riunite una migliaio di persone, per manifestare il dolore del grave lutto che colpito tutta la Vallesabbia.
Presenti Anche alcuni sindaci, i rappresentanti della Comunità montana, sacerdoti  e l’imam dell’associazione culturale islamica «Luce» di Odolo.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.