Quantcast

Sanità, Ghiroldi (Lega): “Potenziate Centrali Operative Territoriali e l’Assistenza Domiciliare Integrata”

(red.) Via libera alla nuova legge sanitaria di Regione Lombardia. In merito è intervenuto il Consigliere regionale della Lega Francesco Ghiroldi, membro della Commissione sanità del Pirellone: “la riforma del sistema è un passo concreto per migliorare i servizi ai cittadini, la sfida della nuova sanità lombarda si gioca in particolare sulla medicina del territorio: case di comunità, ospedali di piccolo taglio, integrazione pubblico-privato e telemedicina. Di grande importanza sarà poi il consolidamento delle strutture sanitarie quali le Centrali Operative Territoriali (COT) e l’Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) – evidenzia il Consigliere Ghiroldi – la missione “6 Salute” del PNRR prevede sul territorio lombardo la realizzazione di 90 COT per uno stanziamento complessivo di 42 milioni di euro”.
“Lo standard di risorse professionali necessarie al funzionamento delle strutture territoriali è previsto per le COT in cinque infermieri e un coordinatore – precisa Ghiroldi – l’obiettivo prioritario dello sviluppo e del consolidamento della continuità ospedale-territorio, proprio del presente progetto di riforma, è il rafforzamento delle Centrali quali punti di accesso territoriali (fisici e digitali) per facilitare e governare la rete di offerta sociosanitaria all’interno dei distretti. Coordinare i servizi domiciliari con gli altri servizi sanitari, assicurando l’interfaccia con gli ospedali e la rete di emergenza-urgenza, favorirà l’integrazione dell’assistenza domiciliare con interventi di tipo sociale anche attraverso la telemedicina e medicina digitale: televisita, teleconsulto, telemonitoraggio”.

“La nuova normativa – continua il Consigliere leghista – vede inoltre il potenziamento dell’area territoriale con un forte incremento dell’Assistenza Domiciliare Integrata (ADI), previsto un finanziamento per l’incremento del numero di assistiti ADI pari a circa 451 milioni di euro. A queste risorse andranno ad aggiungersi quelle per la Telemedicina per 166 milioni di euro”. “In tale contesto, già a partire dai primi mesi del 2022, prenderanno avvio i lavori di realizzazione delle Centrali Operative Territoriali individuate in un primo elenco di strutture da realizzare in spazi di proprietà del Sistema Sanitario Lombardo. A seguire, saranno individuati ulteriori in spazi di proprietà degli Enti locali e in collaborazione al privato accreditato – conclude Ghiroldi – la presente riforma inserisce nell’impianto legislativo regionale diversi principi innovativi nel sistema ospedale-territorio e consolida la struttura della sanità della Lombardia, rinomata eccellenza e avanguardia per l’intero Paese”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.