Quantcast

Casa, oltre 250 milioni per interventi sull’edilizia pubblica

(red.) E’ di oltre 252 milioni di euro la cifra disponibile per il territorio della Lombardia prevista dal Programma nazionale ‘Sicuro, verde e sociale’ per interventi edilizi su edifici residenziali pubblici, finanziato con le risorse del Pnrr, il Piano nazionale di ripresa e resilienza. La delibera elativa al provvedimento è stata approvata dalla Giunta reginale su proposta dell’assessore alla Casa e Housing sociale Alessandro Mattinzoli.

EFFICIENTAMENTO ENERGETICO, RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA – “Tutti noi sappiamo – ha osservato l’assessore – quanto siano fondamentali le risorse del Pnrr per il rilancio socio-economico della nostra regione. E’ altrettanto importante indirizzare questi contributi verso progetti che valorizzino in modo esponenziale i benefici ottenuti da spalmare sull’intera comunita’. La nostra delibera va proprio in questa direzione.
Mette infatti a disposizione strumenti per Aler (circa 150 milioni di euro) e Comuni (circa 100 milioni di euro) al fine di riqualificare il patrimonio immobiliare pubblico e le case popolari attraverso bandi. Bandi che si focalizzano soprattutto su tre temi: interventi nei centri a elevato rischio sismico, efficientamento energetico e lavori di riqualificazione edilizia”.

BANDO – La fase attuativa del Programma entrera’ nel vivo con la pubblicazione del bando regionale. Entro il 31 dicembre saranno
individuate le proposte di intervento che saranno approvate dal Ministero delle Infrastrutture.

DOMANDE – Le domande dovranno essere presentate,
dall’approvazione del bando, solo in modalita’ telematica e con firma digitale, sul sito www.bandi.regione.lombardia.it.

RISORSE – Le risorse finanziarie di 252.937.245,29 euro sono di
derivazione statale e saranno suddivise in sei tranche, dal 2021
al 2026.
Nello specifico: 25.293.724,53 euro per il 2021;
50.587.449,06 euro per il 2022;
44.264.017,93 euro per ogni anno dal 2023 al 2026.

NESSUNA RISORSA ANDRA’ PERDUTA – “E’ importante ricordare – ha
aggiunto – che nessuna risorsa andra’ perduta. Qualora infatti
uno dei due soggetti destinatari non avesse progetti sufficienti
per coprire la propria dotazione economica, le rimanenze
andrebbero sull’altro Ente a finanziare lo scorrimento della
graduatoria”.

FONDI ANCHE PER COMUNI CON MENO di 30.000 ABITANTI  – Una quota
di questi finanziamenti sara’ riservata ai Comuni sotto i 30.000 abitanti in modo che le grandi citta’ non esauriscano tutti i fondi disponibili.

INVESTIRE BENE – “Vogliamo infatti – ha proseguito l’assessore – che tutti possano usufruire di questa grande opportunita’, veicolandola il piu’ possibile come informazione anche attraverso la collaborazione con Anci. Il nostro obiettivo e’ quello di diventare protagonisti del nostro futuro e di quello dei nostri giovani. Il nostro impegno – ha concluso – e’ lavorare seriamente e investire bene le risorse messe a disposizione dall’Europa”.

TEMPI – Il Programma prevede tempi di attuazione molto stringenti. Entro marzo 2026, dovranno, infatti, essere ultimati tutti i lavori. Il cronoprogramma e’, infatti, stato stabilito dal Governo italiano in sede europea per il Piano nazionale di ripresa e resilienza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.