Quantcast

Bullismo tra ragazze, “fenomeno sempre più diffuso”

(red.) “Un fenomeno sempre più diffuso e preoccupante che va affrontato con severità. L’episodio avvenuto a Brescia dimostra però che è fondamentale trovare il coraggio di denunciare ogni tipo di violenza, fisica o virtuale che sia. Così come viene da chiedersi dove siano le famiglie quando serve vigilare sul comportamento di giovanissimi che non solo ragionano e agiscono in branco, ma se ne vantano pure sui social”.

Lo dichiara Viviana Beccalossi, presidente del Gruppo Misto in Consiglio regionale, commentando la notizia dell’arresto, da parte dei Carabinieri di Brescia, di 4 quindicenni indagate a vario titolo per i reati di percosse, lesioni e atti persecutori ai danni di una coetanea.

“Ai Carabinieri di Brescia -conclude Viviana Beccalossi – il mio ringraziamento per aver posto fine a questa vicenda da incubo ai danni di una ragazzina. Come dimostrano i dati Istat, oltre la metà dei ragazzi dagli 11 ai 17 anni dichiara di essere stata vittima di bullismo: serve che tutti, dalle istituzioni alle scuole, ma soprattutto i genitori, alzino la guardia per fare emergere situazioni che possono avere conseguenze molto gravi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.