Quantcast

Politiche sociali, piano regionale da 59 milioni di euro

Più informazioni su

(red.) La Giunta regionale della Lombardia ha approvato il piano di riparto e le modalità di utilizzo delle risorse del fondo sociale regionale, che per il 2021 ammontano a oltre 59 milioni di euro.

“Si tratta di risorse – ha dichiarato Alessandra Locatelli, assessore regionale alla Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari opportunità – destinate alla presa in carico dei bisogni della persona e della famiglia e alla promozione di azioni, interventi e progettualità che Enti locali e soggetti del terzo settore potranno attivare collaborando insieme, attraverso l’integrazione di risorse e un’analisi dei bisogni finalizzata alla programmazione degli interventi. Le risorse del Fondo, utilizzate unitamente alle risorse autonome dei Comuni e ad eventuali altre risorse, concorrono alla realizzazione delle azioni previste dai Piani di Zona, e sono una dimostrazione concreta del grande impegno di Regione Lombardia per sostenere il settore del sociale, tenendo in considerazione anche la delicata situazione che stiamo vivendo”.

“La programmazione del Fondo Sociale Regionale – spiega l’assessore – tiene conto anche delle risorse destinate alla misura di contrasto alla povertà, delle risorse a sostegno della disabilità, tra cui il Fondo per le non autosufficienze e quello per il ‘Dopo di noi’, di quelle finalizzate allo sviluppo del Sistema integrato di educazione e di istruzione dalla nascita fino a sei anni, nonché delle risorse del Fondo nazionale per le politiche sociali”.

“Nello specifico, con queste risorse – conclude l’assessore Locatelli – andremo a finanziare servizi e unità di offerta che si rivolgono a minori, famiglie, anziani e persone con disabilità”. Le risorse del Fondo sono assegnate agli Ambiti territoriali i quali, in condivisione con le Ats, individuano i bisogni e definiscono i criteri di riparto a livello locale garantendo una copertura omogenea rispetto ai diversi servizi e interventi sociali.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.