Quantcast

Barucco (FI): “Legge sulla rigenerazione urbana contro degrado e inquinamento”

L’esponente azzurro: ‘Riqualificare le aree degradate e gli immobili dismessi significa guardare al futuro tutelando l’ambiente, la bellezza e migliorando la qualità di vita di tutti i cittadini’.

(red.) “Dopo un attento lavoro sul testo e un confronto proficuo con tutti i soggetti coinvolti sono felice di poter dire che oggi – con il via libera del consiglio regionale – la legge sulla rigenerazione urbana vede definitivamente la luce” afferma Gabriele Barucco, consigliere regionale di Forza Italia e relatore del Pdl 168, incentrato sul recupero del patrimonio edilizio dismesso.
“Rispetto alla prima versione – prosegue l’azzurro – dopo un lungo e proficuo confronto con i sindaci, il governo e i rappresentanti del settore abbiamo introdotto alcune novità che aggiornano i contenuti del testo, il cui scopo resta quello di riqualificare i tanti edifici dismessi dei comuni lombardi, contrastando degrado e inquinamento per dare un nuovo volto alle nostre città”.

“Rispetto a prima – continua Barucco – i comuni avranno tempo fino al 31 dicembre 2021 per individuare gli edifici dismessi all’interno del loto territorio; tutti i comuni della nostra regione potranno inoltre derogare dalla legge in presenza di motivati vincoli paesaggistici previsti dal Pgt. Anche sugli indici di edificabilità i comuni potranno muoversi con maggiore libertà, all’interno di una finestra che consente un aumento dal 10 al 25% di tali indici”.
“Al di là dei tecnicismi – conclude Barucco – sono orgoglioso di avere portato avanti, assieme all’assessore Foroni e a tutta la squadra di maggioranza, una legge innovativa che farà da apripista in tutta Italia. Riqualificare le aree degradate e gli immobili dismessi significa guardare al futuro, tutelando l’ambiente, la bellezza e migliorando la qualità di vita di tutti i cittadini”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.