Quantcast

Massardi (Lega): “Brevetti, un milione di euro per l’innovazione delle PMI”

(red.) “Si tratta di una misura volta all’ottenimento, da parte di MPMI e liberi professionisti, di nuovi brevetti (europei o internazionali) o estensioni degli stessi a livello europeo o internazionale per invenzioni industriali” spiega Floriano Massardi, vicecapogruppo in Consiglio regionale per la Lega, che prosegue: “Gli interventi dovranno essere realizzati e avere ricadute in Lombardia e portare un valore aggiunto in una delle macro-tematiche delle aree di specializzazione, rilette in chiave di ecosistemi legati alla centralità della persona e dei relativi bisogni in attuazione della L.R. 29/2016.
Sono ammissibili i progetti che prevedono le attività funzionali al deposito di domande di brevetto di un’invenzione industriale a livello europeo o internazionale, nonché l’estensione di domande precedentemente depositate presso l’UiBM e successivamente estese a EPO (European Patent Office) o WIPO (World Intellectual Property Organization – l’organizzazione mondiale per la proprietà intellettuale) fino all’ottenimento di un rapporto di ricerca da parte di questi ultimi.

Le ricadute applicative dei brevetti oggetto della domanda devono interessare il territorio lombardo e i progetti dovranno essere coerenti con una delle macro-tematiche dell’aerospazio, dell’agroalimentare, dell’ecoindustria, delle industrie creative e culturali, della salute, del manifatturiero avanzato e della mobilità sostenibile.

L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto che può arrivare fino a 7.200 euro, a copertura delle spese comprese tra la presentazione della domanda di deposito del brevetto fino alla pubblicazione del rapporto di ricerca da parte dell’organo competente. La dotazione finanziaria complessiva del bando è pari a 1 milione di euro. Le domande di presentazione del progetto sono aperte e sono depositabili fino al 31 dicembre 2021, utilizzando la piattaforma online dedicata di Regione “Bandi Online”.

“Regione Lombardia è la regione leader a livello nazionale per il deposito brevetti e a livello europeo è nella top ten delle regioni che ne producono di più e ci vogliamo confermare a questi livelli, soprattutto dopo le drammatiche difficoltà dell’anno trascorso. Incentivare la ricerca è una strada fondamentale da percorrere per ripartire e tornare a crescere e come amministrazione ci adoperiamo da sempre affinché vengano, quanto più possibile, rimossi gli ostacoli allo sviluppo” conclude Massardi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.