Laghi, Regione finanzia 9 opere demaniali con 3 milioni di euro

Più informazioni su

(red.) “Ancora una volta in Lombardia siamo al fianco degli operatori del territorio, stanziando fondi importanti per interventi strutturali sui principali laghi della regione. Un sostegno fondamentale per chi sta vivendo un periodo prolungato di forte crisi e che permette di valorizzare da un punto di vista turistico, località e strutture di notevole attrattività”.
Così Lara Magoni, assessore regionale al Turismo, Marketing territoriale e Moda, commenta la delibera approvata dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, Claudia Maria Terzi, che stanzia 2 milioni di euro per cofinanziare 9 interventi infrastrutturali dal valore complessivo di 2.932.630 euro da realizzarsi nelle aree demaniali dei laghi lombardi. Nel dettaglio si realizzeranno 3 nuove opere sul Lago Maggiore, 1 sul Lago d’Iseo, 1 sul Lago di Garda, 1 sul Lario e 3 sul Lago Ceresio.

“La Lombardia ha la più vasta zona lacustre d’Europa, luoghi che tutto il mondo conosce e ci invidia, dove la bellezza della natura si accompagna all’arte, alla cultura e alla possibilità di esperienze uniche – aggiunge l’assessore regionale -. Sono stati e saranno driver indispensabili per il turismo internazionale, che prima della pandemia stava registrando numeri da record: stiamo lavorando per farci trovare pronti quando finalmente sarà possibile tornare a viaggiare in piena sicurezza. Nonostante il periodo difficile, è necessario programmare il futuro con ottimismo e lungimiranza, puntando ad un rilancio del turismo attraverso un’offerta di grande qualità, che sappia valorizzare i nostri luoghi attraverso strutture d’eccellenza e un’accoglienza professionale. Vogliamo dare nuova linfa vitale ad un settore, quello ricettivo, che sta soffrendo una crisi senza precedenti”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.