Riforma sanità, “Moratti porti discussione in Consiglio”

(red.) “Con disappunto apprendiamo che la neo assessora Moratti ha messo mano al dossier di riforma della sanità confrontandosi con realtà, autorevoli e importanti certamente, ma che nulla hanno a che vedere con il Consiglio regionale. L’esordio, anche considerati i molti appelli alla responsabilità e alla condivisione in un momento così difficile, non è dei migliori. Partire dall’esame della necessaria riforma dal punto di vista tecnico è infatti un passo sbagliato. Perché oggi più che mai serve un confronto politico. Tutte le criticità che devono essere analizzate e affrontate per rispettare le prescrizioni del Ministero, pena l’impugnativa da parte del Governo, non sono un aspetto formale, ma sostanziale. Ci aspettiamo da parte dell’assessore e della maggioranza una proposta chiara e articolata. Ne esiste una? O più di una? Si vuole affrontare il tema in modo strutturale o porre piccole modifiche di facciata?”

Lo dichiara il Consigliere regionale del PD Gianni Girelli al termine dell’audizione in Commissione Sanità, con il direttore generale della sanità Marco Trivelli e il vice segretario generale della Regione Luigi Cajazzo, sul documento Agenas che chiede a Regione Lombardia di rivedere la riforma sanitaria del 2015.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.