Fase 2: Regione dona seimila mascherine alla comunità Lautari

Ha consegnarle Simona Tironi, bresciana, vice presidente della commissione Sanità di Regione.

(red.) Regione Lombardia ha donato 6 mila mascherine alla Comunità Lautari. Simona Tironi, vice presidente della Commissione Sanità, ha portato al presidente della Comunità Lautari Andrea Bonomelli le mascherine che Regione Lombardia ha donato per affrontare in sicurezza la fase due. “Ancora una volta con questo gesto – commenta Simona Tironi- Regione Lombardia mostra la propria vicinanza alle realtà con valenza sociale per garantire una ripartenza in sicurezza delle proprie attività. Oggi sono rimasta piacevolmente colpita da questa comunità di recupero bresciana che ha sviluppato sedi anche sul territorio italiano, per la dedizione e la serietà con cui curano questi ragazzi per altro senza ricevere sovvenzioni statali”.

 

“La Cooperativa si occupa del recupero di ragazzi e ragazze che hanno dipendenze  di vario genere – commenta Andrea Bonomelli presidente di Lautari – come droghe, alcool e ludopatia. La struttura accoglie i ragazzi che hanno deciso di curarsi, il percorso terapeutico è focalizzato sulla centralità della persona come condizione necessaria per migliorarne la vita. L’obiettivo è la completa riabilitazione della persona e l’acquisizione di un nuovo stile di vita fondato sui valori di autonomia, responsabilità, tolleranza, fiducia, solidarietà e autostima oltre che sulla costruzione di una rete con le Associazioni del privato sociale e il lavoro psico-educativo svolto con la famiglia”.
“Ho girato tutta la struttura- continua la Tironi- e ho avuto la consapevolezza del duro lavoro che i ragazzi devono fare su di loro e a livello sociale per ottenere gli obiettivi stabiliti dalla Comunità. Ho portato anche i saluti dell’assessore Foroni che ha fornito le mascherine comunitarie ad uso civile”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.