Visori notturni per la caccia al cinghiale, “bocciati emendamenti contrari”

Ghiroldi: “Qualcuno non comprende o peggio finge di non capire, come il problema dei cinghiali sia molto serio".

(red.) “Esprimo soddisfazione per la bocciatura degli emendamenti dell’opposizione contrari all’introduzione della possibilità di utilizzo dei visori notturni per la caccia al cinghiale.” Così Francesco Ghiroldi, consigliere regionale della Lega commenta l’esito delle votazioni di ieri relative alla Legge di Revisione ordinamentale 2020, che sarà approvata durante la prossima seduta del Consiglio regionale.

“Qualcuno non comprende – prosegue Ghiroldi – o peggio finge di non capire, come il problema dei cinghiali sia molto serio e sentito, in tutta la Lombardia ma particolarmente nelle zone di montagna, come la nostra Valcamonica. Ringrazio l’Assessore Fabio Rolfi per aver recepito un’istanza sostenuta anche da me in passato, che non proviene soltanto dai cacciatori, ma soprattutto da parte del mondo agricolo, che si trova a dover fronteggiare i danni provocati da questa specie infestante.
La modifica contenuta nel testo di legge, una volta che il testo sarà approvato in via definitiva, consentirà l’uso dei visori notturni per la caccia di selezione durante la notte, che rappresenta il momento migliore per questa pratica. Una misura che potrà garantire maggiore sicurezza per gli operatori e – conclude Francesco Ghiroldi – un contenimento più incisivo ed efficace rispetto al passato”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.