Mammì (M5S): “Coronavirus, non dimentichiamoci dei disabili”

(red.) Un impegno del Presidente della Lombardia, Attilio Fontana, e della Giunta a predisporre piani territoriali per la riattivazione delle attività sociali e socio-sanitarie per persone con disabilità, specifici protocolli di sorveglianza attiva a tutela delle persone con disabilità, famiglie e assistenti con l’obbligatoria esecuzione di tampone, una campagna per la realizzazione di test sierologici e il riconoscimento dei 900 euro già previsti per i periodi di chiusura scolastica alle famiglie con figli affetti da disabilità gravissima che frequenta la scuola.

Sono queste le richieste in una mozione urgente rivolta al Consiglio regionale di domani del consigliere regionale del M5S Lombardia Gregorio Mammì che dichiara: “La pandemia non ha risparmiato nessun cittadino lombardo e tra coloro che scontano più gravemente l’emergenza i più fragili, come le persone con disabilità.
A loro e alle famiglie si sono aggiunti nuovi disagi legati al distanziamento sociale, alle difficoltà di gestione dei servizi di assistenza e alle difficoltà di reperimento di adeguati dispositivi di protezione individuale. Nel caso dei soggetti minori d’età si è improvvisamente sospeso il percorso scolastico, che nella gran parte dei casi non è stato possibile riattivare completamente attraverso le modalità di didattica a distanza adottate negli ultimi mesi. La mozione urgente chiede correttivi immediati”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.