Quantcast

Nel Bresciano si costruisce troppo

I Pgt prevedono 68 milioni di mq di nuove costruzioni. 1,7 ettari di verde ipotecati al giorno. Dalla Regione arriveranno incentivi per qui riqualifica.

(red.)Brescia è la seconda provincia cementificatrice della Lombardia.
Nonostante, infatti, nel Bresciano gli appartamenti vuoti non manchino, l’80,5% dei Comuni della nostra provincia prevede, nei diversi disegni urbanistici, di costruire su altri 68milioni 488mila 174 metri.
Secondo una dato Ersaf diffuso dal Giornale di Brescia, quindi, facendo un calcolo su base decennale, ogni giorno verrebbero ipotecati ben 1,7 ettari di verde bresciano.
La situazione, comprensibilmente, ha attirato l’attenzione della Regione. I piani di governo del territorio, infatti, dovrebbero essere basati sulle proiezioni statistiche legate al potenziale aumento della popolazione. Secondo quanto dichiarato dall’assessore all’Urbanistica e al Territorio Viviana Beccalossi, «la verità è che sono state previste aree di sviluppo eccessive per ottenere oneri di urbanizzazione e chiudere i bilanci».
A causa di ciò, nell’ambito dei lavoro di revisione sulla legge 12/2005, Beccalossi ha intenzione di portare avanti un lavoro normativo che punti alla «riduzione del consumo del suolo e al riuso dell’edificato».
Entro un paio d’anni, i Comuni dovranno realizzare un piano che preveda la riqualificazione di aree dismesse e centri storici. Saranno inoltre previsti incentivi per chi ristruttura.
Chi, poi, intenda costruire comunque su aree vergini dovrà restituire il doppio della volumetria dell’edificio in aree verdi. La misura dovrebbe riguardare anche gli interventi già pianificati e, quindi, chi ha acquisito i diritti di costruire attraverso il Pgt in vigore.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.