Quantcast

Maroni: «Riconoscimento a dottoressa uccisa»

La Regione intende commemorare Eleonora Cantamessa, la ginecologa uccisa a Chiuduno mentre prestava soccorso ad un immigrato ferito durante una rissa.

(red.) «Quando accaduto a Chiuduno è un fatto tragico e preoccupante. Come Regione stiamo lavorando per dare un giusto riconoscimento allo straordinario comportamento di questa dottoressa, Eleonora Cantamessa, che è voluta intervenire per soccorrere un uomo, anche se non era obbligata a farlo, ma è intervenuta perchè questa era la sua cultura, la cultura dell’aiuto e del sostegno verso chi ne ha bisogno e questa è la cultura tipica della nostra gente».
Lo ha spiegato il presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni, annunciando l’intenzione di attribuire un riconoscimento alla memoria della dottoressa che lavorava come ginecologa alla clinica Sant’Anna  di Brescia, uccisa domenica notte a Chiuduno (Bergamo), mentre stava soccorrendo un uomo ferito in una rissa tra immigrati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.