Quantcast

Formigoni ascoltato da Dda su Zambetti

Il governatore ascoltato come testimone da Ilda Boccassini sulle presunte "voci" che circolavano sull'assessore alla Casa arrestato per voto di scambio.

(red.) Il presidente della Lombardia, Roberto Formigoni, è stato sentito due giorni fa come testimone da Ilda Boccassini, il procuratore aggiunto della Dda di Milano.
A riferirlo e’ il ‘Corriere della sera’. A Formigoni è stata chiesto di alcune dichiarazioni sull’assessore regionale Domenico Zambetti, arrestato il 10 ottobre con l’accusa di aver comperato voti dalla ‘ndrangheta. E di un’intervista in cui aveva detto che non voleva riconfermare Zambetti nel 2010 su cui ‘circolavano strane voci’.
Il tribunale del Riesame di Milano si è riservato la decisione alla fine dell’udienza in cui si è discusso della richiesta di scarcerazione dell’ex assessore alla Casa Domenico Zambetti, arrestato per corruzione, voto di scambio e concorso esterno in associazione mafiosa (‘ndrangheta). Il pm Giuseppe D’Amico si è opposto alla revoca della misura Ccautelare e ha depositato anche il verbale della deposizione di Roberto Formigoni come testimone davanti al procuratore aggiunto Ilda Boccassini. La testimonianza riguarda appunto le “voci” che Formigoni aveva sentito in merito ai comportamenti di Zambetti.
Formigoni, secondo quanto riporta il quotidiano di via Solferino, avrebbe, tra l’altro, spiegato di essere, però, stato rassicurato in merito a queste voci dallo stesso Zambetti e poi anche da Gianfranco Rotondi, il leader della “Dc per le autonomie” in cui militava anche l’ex assessore.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.