Quantcast

Ostelli, anche Brescia nel circuito lombardo

Sono sei le realtà della nostra provincia che hanno goduto del contributo regionale (complessivamente 22 milioni di euro) per l'ammodernamento delle strutture ricettive.

Più informazioni su

(red.) Trentanove ostelli attivi, 1871 posti letto, 150.000 presenze annuali e un sito appositamente dedicato (www.hostellombardia.net). Sono questi i numeri delle strutture lombarde presentate nel corso di Hostelfest, la manifestazione dedicata alla promozione degli ostelli in corso nella piazza del Palazzo della Regione. Soddisfatta l’assessore regionale allo Sport e Giovani, Luciana Ruffienlli, presente all’evento.
“A questa festa”, ha sottolineato l’assessore, “abbiamo voluto presentare gli ostelli che Regione Lombardia ha contribuito ad ammodernare affinchè ciascuno potesse illustrare le sue peculiarità, sia legate al territorio sia al tipo di ospitalità offerta. Il finanziamento regionale è stato di oltre 22 milioni di euro mentre l’età media dei gestori è nettamente inferiore ai 30anni”.
Nell’elenco dei 39 ostelli aperti che fanno parte della rete lombarda ci sono anche alcune realtà bresciane.
Si tratta di sette località disseminate nella nostra provincia: “Angolo da scoprire” (Angolo Terme); “Casa del parco dell’Adamello” (Vezza d’Oglio); “Ostello Casa del Parco” (Cevo); “Ostello Casthello” (Breno): “Ostello del Pittore” (Paspardo);”Ostello della gioventù” (Cimbergo)e l’ “Università della vela” (Tremosine).
“I nostri ostelli”, ha spiegato Luciana Ruffinelli, “sono ormai ai livelli qualitativi dei migliori standard europei: moderni, tecnologici e funzionali con un’attenzione rivolta alle persone con disabilità. Le nostre strutture rispondono a tutte le più severe normative per garantire un’offerta seria alla portata di tutti. Il grande successo di questa manifestazione che ha visto la partecipazione di centinaia di cittadini, potenziali fruitori, dimostra la validità del progetto che, anche in vista di Expo, vedrà crescere la rete degli ostelli lombardi che diventeranno 60 entro la fine del 2012 e 80 nei prossimi anni con una capacità ricettiva di oltre 3000 posti letto”.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.