Quantcast

Cave, stop agli aumenti delle tariffe

Niente rivalutazione del tariffario. L'incremento del costo sui materiali di escavazione è stato bocciato martedì dal Pirellone. Nuove valutazioni allo studio.

Più informazioni su

(red.) Dopo il rinvio, la bocciatura. Nella seduta del 25 ottobre è stato vagliato (e sospeso) dal Pirellone il provvedimento che aggiorna le tariffe per l’escavazione, che era stato precedentemente approvato all’unanimità in commissione Ambiente e che prevedeva un incremento economico per i settori di sabbia e ghiaia e delle pietre ornamentali.
Ora invece, dopo gli ulteriori provvedimenti richiesti da Pdl, Lega Nord, Pd, Udc e Pensionati, lo stop definitivo agli aumenti tariffari.
Il nuovo tariffario era uscito dalla commissione così formulato: sabbia e ghiaia 1 euro al metro cubo cavato; argilla 0,52 euro al metro cubo; torba 1,60 euro al metro cubo; pietre ornamentali 5 euro al metro cubo; rocce a usi industriali 0,46 euro al metro cubo; pietrischi 0,46 euro al metro cubo.
Criteri, questi, sostenuti solo Sel e Idv, perché tanto il Pdl quanto il Pd hanno fatto un passo indietro. Se, da un lato, infatti, era necessario rimodulare tariffe risalenti ad un Regio decreto del 1927, dall’altra, tuttavia, tale incremento avrebbe fatto lievitare la tassa del 127%, una percentuale davvero troppo elevata da applicare in un colpo solo. L’aumento più adeguato dovrebbe essere contenuto tra il 20-25%.
La discussione rimane aperta ed è oggetto del tavolo della VI Commissione regionale, che si riunisce questo mercoledì dedicata ad Ambiente e territorio.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.