Quantcast

Escavazione, rinviato l’aumento delle tariffe

Sì è opposto il capogruppo del Pdl, Paolo Valentini: "E' necessario un ulteriore approfondimento perché ci troviamo davanti al rischio di possibili ricorsi al Tar".

Più informazioni su

(red.) Rinviato alla seduta del 25 ottobre il provvedimento che aggiorna le tariffe per l’escavazione, approvato all’unanimità la scorsa settimana in commissione Ambiente con un incremento economico per i settori di sabbia e ghiaia e delle pietre ornamentali (restano invece invariate le altre categorie).
La sospensione del provvedimento è stata richiesta dal capogruppo del Pdl Paolo Valentini e, come previsto dal regolamento del consiglio regionale, approvata in conferenza dei capigruppo con il favore di Pdl, Lega Nord, Pd, Udc e Pensionati (contrari solo Idv e Sel). “E’ necessario un ulteriore approfondimento -ha detto Valentini- perché ci troviamo davanti al rischio di possibili ricorsi al Tar.
Inoltre non capisco perché solo per un settore su cinque si introduca un aumento di tariffa del 127% lasciandone invece invariate altre tre: piuttosto, se vogliamo tutelare davvero il territorio – ha concluso il capogruppo –  dobbiamo farlo con normative e provvedimenti specifici e incisivi, non solo limitandoci ad aumentare alcune tariffe di escavazione”.
Il nuovo tariffario era uscito dalla commissione così formulato: sabbia e ghiaia 1 euro al metro cubo cavato; argilla 0,52 euro al metro cubo; torba 1,60 euro al metro cubo; pietre ornamentali 5 euro al metro cubo; rocce a usi industriali 0,46 euro al metro cubo; pietrischi 0,46 euro al metro cubo.
Secondo le spiegazioni fornite dai tecnici dell’assessorato regionale, le nuove tariffe di escavazione, riferite al biennio 2010-2011, entreranno comunque in vigore solo dopo la definitiva approvazione in Consiglio regionale, non potranno avere valore retroattivo e avranno validità fino a nuova e successiva modifica.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.