Neve, da sabato riapre il Maniva

Entro venerdì dovrebbe essere riaperta la Sp 345 minacciata dalle valanghe. Ancora inaccessibile invece l'accesso al Gaver e al Bazena.

Più informazioni su

(red.) Se la pioggia ha tormentato la pianura, in montagna è la neve ad aver raggiunto livelli record, con i problemi che ne conseguono. Presto la circolazione verso il Maniva, bloccato ormai da giorni, potrà riaprire.
Le piste saranno nuovamente raggiungibili entro venerdì e dal fine settimana potrannoriaprire, come già era stato previsto dalla tabella di marcia predisposta da Maniva Ski, il cui presidente Imerio Lucchini tiene a ringraziare «gli istituti scolastici che avevano prenotato attività didattichenel nostrocomprensorio per la disponibilità a spostarle in altra data».
Ancora bloccato invece l’accesso al Gavia in Valcamonica. Venerdì 7 saranno sul posto i tecnici che dovranno valutare la situazione predisporre gli interventi necessari.
Medesima situazione per il Gaver:  la Provinciale numero 669 rimane chiusa sia dalla parte di Bagolino, sia dalla parte della Valle Camonica, in località Trabucco, blocco stradale che rende impossibile riaprire anche il Bazena. L’elicottero della Regione con il nivologo Federico Rota  a bordo, ha sorvolato all’alba di giovedì  i versanti interessati, per capire dove utilizzare con più successo la “daisy bell”, la campana a gas che facendo vibrare la neve facilita il distacco delle masse pericolanti. Con il sole della giornata del 6 febbraio le temperature si sono alzate rendendo più instabili le pareti nevose. Probabile quindi che le piste del Gaver e del Bazena dovranno attendere ancora questo fine settimana prima di poter riaprire agli sciatori bresciani.
Le buone notizie, arrivano invece per gli appassionati trentini: è stato riaperto infatti  il oltre il valico del Tonale (lato Trentino Alto Adige) chiuso da martedì per la caduta di piante appesantite dalla neve.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.