Librioteca, inedita sinergia tra biblioteche e librerie della città

Si prenota telefonicamente un documento in una biblioteca comunale (oggi sono chiuse) e poi si va a ritirarlo dal proprio libraio.

Più informazioni su

(red.) Come spesso accade, per uscire dai momenti di difficoltà bisogna mettersi insieme e unire le forze. È così che nasce a Brescia la Libroteca, una sinergia tra alcune librerie e le biblioteche cittadine.
Come è noto, dallo scorso 6 novembre le biblioteche della Rbbc sono chiuse al pubblico in osservanza delle misure previste a salvaguardia della salute. Ma leggere, studiare, preparare esami e lezioni, apprendere e fare ricerca restano una necessità, come dimostra l’apertura delle librerie.
Il progetto Libroteca, nato in seno al Patto per la Lettura della città di Brescia, consente di soddisfare questo bisogno attraverso una collaborazione solidale fra pubblico e privato che mette al centro il cittadino.
Il sistema è molto semplice quanto efficace: l’utente prenota telefonicamente alla propria biblioteca il documento di cui ha necessità concordando altresì la libreria presso la quale gli è più comodo ritiralo. Una volta che la biblioteca darà avviso che il documento è pronto per il ritiro, l’utente avrà quattro giorni di tempo per passare nella libreria e prelevare la busta con quanto richiesto.

Il servizio è totalmente gratuito e si fonda sulla lungimiranza e generosità sia del personale delle biblioteche, che hanno costruito il progetto, sia dei titolari delle librerie aderenti, che hanno accolto l’invito senza nulla chiedere in cambio, entrambe le parti con l’obiettivo comune di promuovere il libro e la lettura.
Il servizio Libroteca riguarda in particolare la Queriniana e coinvolge, ad oggi – ma non sono precluse nuove adesioni – otto librerie: Universitaria La Matricola (via San Faustino), Asterisco Bistrot (contrada delle Bassiche), Ferrata (corso Martiri della Libertà), Punto Einaudi (via Pace), Nuova libreria Rinascita (via della Posta), Paoline (via G. Rosa), Libreria dei ragazzi (via San Bartolomeo).

Di grande soddisfazione il commento della vicesindaco e assessore alla Cultura Laura Castelletti: “Ringrazio di cuore le librerie che hanno accolto senza nessun tentennamento l’invito dei nostri bibliotecari, che pure ringrazio per la dedizione con cui si pongono – sempre e comunque – a fianco dei lettori, degli studenti, degli studiosi. Dei cittadini. Oltre al titolo, di cui abbiamo la soddisfazione di fregiarci, Brescia è davvero una Città che Legge. Lo dimostra la rete del Patto della Lettura, i numerosi e bellissimi progetti che dentro quell’impegno trovano casa, lo dimostra questa nuova sinergia. E sono sinceramente convinta che potrà essere anche l’occasione per portare nuovi affezionati clienti alle vivaci e intraprendenti librerie della città.”

In attesa di vedere se e come evolveranno le restrizioni legate alla sicurezza sanitaria, le biblioteche restano chiuse ma non ferme, e procede speditamente il potenziamento del servizio PaD (prestito a domicilio) nei quartieri, perfettamente complementare alla Libroteca. Il prestito a domicilio è attivo già da alcuni giorni con il personale interno ma si amplierà a breve grazie alla collaborazione di volontari che consegneranno i libri direttamente a casa di persone in condizioni di fragilità o in quarantena. Il servizio può contare sulla fondamentale collaborazione dei Consigli di quartiere, vera rete di relazione con gli abitanti. Già attivo da alcuni mesi nei quartieri di Casazza e Parco Gallo, andrà gradualmente coprendo l’intera città. E non solo per i periodi di emergenza.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.