Lettere al direttore

Referendum: anche il movimento Nonviolento vota NO

Più informazioni su

In vista del referendum costituzionale di domenica 20 e lunedì 21 settembre il Movimento Nonviolento di Brescia si sente in dovere di prendere posizione, invitando alla partecipazione votando NO.

Le motivazioni che ci spingono ad assumere questa posizione sono molteplici.

Il taglio di oltre un terzo dei parlamentari, a fronte di un risparmio irrisorio (lo 0,007% del bilancio statale) metterebbe in pericolo la rappresentanza di interi territori e rischia di eliminare le voci critiche dal Parlamento.

Non ci convince neppure l’idea che questo taglio lineare possa migliorare la qualità dei nostri rappresentanti. È evidente che non c’è nessuna connessione tra le due questioni; anzi, il rischio è proprio quello opposto. Infatti diminuendo il numero dei parlamentari aumenta il potere dei partiti politici – spesso incapaci di proporre una classe dirigente preparata, non omologata alle sole logiche del mercato e di un livello adeguato alle presenze attive nella società civile – e dei loro leader che preferiscono circondarsi da gregari nominati e accondiscendenti, grazie a leggi elettorali dichiarate dalla Consulta incostituzionali.

I numeri smentiscono in modo inequivocabile l’equazione “più parlamentari = meno efficienza”. Infatti quello italiano è tra i parlamenti che emanano il maggior numero di leggi. Il problema non è la quantità delle leggi, ma la qualità scarsa, anche a causa di regolamenti che impediscono un adeguato dibattito parlamentare in nome di sedicenti efficienza e urgenza del governo di turno.

Non riteniamo questo referendum un voto pro o contro l’attuale governo e anzi riteniamo le due cose scollegate. I governi passano, la Costituzione resta.

Per queste ragioni ribadiamo il nostro invito a votare NO come primo passo necessario (ma non sufficiente) in difesa della partecipazione democratica rappresentativa.

Movimento Nonviolento – Brescia

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.