Lettere al direttore

Paola De Micheli, “ministra tutt’altro che green”

Le prime settimane della ministra delle Infrastrutture, Paola De Micheli, sono tutt’altro che  green. Anzi, il suo operato ricorda piuttosto a quello di una portavoce degli autotrasportatori. Qualche giorno fa, a Bruxelles, incontrando la commissaria ai Trasporti Adina-Ioana Vălean, De Micheli ha chiesto, in nome della concorrenza, di scongiurare l’iniziativa austriaca di limitare il transito del traffico ai Tir euro 4 sul proprio territorio a decorrere dal 1° gennaio 2020. Un provvedimento che ha come obiettivo la riduzione del l’inquinamento atmosferico sulle strade di un paese membro della UE, e che dovrebbe essere anche quello del Governo italiano, visto che il confine corre sul medesimo aro alpino. Anzi, in base al principio di reciprocità, tale corridoio  green andrebbe esteso in territorio italiano almeno fino a Verona. In una fase di emergenza climatica come l’attuale, Il diritto alla libera circolazione delle merci e la tutela delle imprese di autotrasporto dovrebbe venire dopo la tutela dell’ambiente e della salute dei cittadini.
Ma non è finita qui: la ministra De Micheli ha infatti proposto un emendamento alla legge di bilancio che rinvia da marzo a ottobre del prossimo anno l’entrata in vigore del provvedimento di eliminazione dello sconto sulle accise del gasolio per gli autotrasportatori. Il decreto clima prevedeva l’eliminazione dei sussidi ambientalmente pericolosi come quelli sulle accise. Non bastano le proroghe del Ferrobonus e del Marebonus per dar vita ad una efficace politica di riequilibrio del trasporto merci dal Tir alla ferrovia.
Alle sue prime iniziative, dunque, De Micheli prosegue sulla scia dei precedenti titolari del suo dicastero, nell’illusione che bastino sostanziosi investimenti pubblici (piano del ferro) per sottrarre le ferrovie italiane dalla loro posizione di fanalino di coda a livello europeo nel trasporto merci e dalla loro inefficenza. Una situazione che si deve agli alti costi di gestione e alla bassa produttività del gruppo FS, i cui elevati tempi di consegna delle merci rendono antieconomico per le imprese il trasporto via ferrovia. Con queste politiche non ci sono prospettive per ridurre (non per abolire) l’Italia dei Tir, dei camion e dei furgoncini che invadono ogni giorno le nostre strade.
 La congestione stradale, l’inquinamento dell’aria e l’incidentalità stradale sono particolarmente pesanti. L’insignificante ruolo delle ferrovie, che trasportano solo il 12 per cento delle merci (il resto è tutto su gomma), ha provocato una caotica crescita del trasporto su strada. In piena emergenza climatica si moltiplicano i Tir senza carico di andata o di ritorno, e i furgoni dell’e-commerce anch’essi spesso semivuoti data la scadente logistica nazionale. È così che per ogni chilometro di strada in Italia circolano 14 Tir contro i 10 del Regno Unito, i 7 della Spagna e 6 di Francia e Germania.
PRESIDENTE OSSERVATORIO NAZIONALE LIBERALIZZAZIONI INFRASTRUTTURE E TRASPORTI
MILANO 6 dicembre   2019
O.N.L.I.T. c/o Studio Legale Associato Degli Avvocati Stefano Galelli E Caterina Mele
Via Ariberto 22
20123 MILANO
TEL. 02-6596567 | CELL.3356361874

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.