Quantcast

Lettere al direttore

Castella 2, GardaUno gestita da sindaci di destra

Più informazioni su

Si è conclusa giovedì mattina la Conferenza di Servizio decisoria sull’impianto Castella 2, portata avanti dal Società GardaUno.

In attesa della stesura ufficiale del provvedimento non possiamo non mostrare la nostra delusione per l’anticipato parere favorevole espresso dalla Conferenza stessa.

Come PD Brescia rileviamo che a nulla sono valse le puntuali osservazioni dei Comuni coinvolti (Rezzato, Brescia, Castenedolo e Borgosatollo), che ancora una volta hanno chiaramente espresso il proprio parere negativo partendo dalla piena consapevolezza delle numerose criticità ambientali già presenti nell’area e della situazione sanitaria. Un contesto così delicato da considerare paradossale e davvero criticabile il parere positivo espresso invece dalla Azienda Sanitaria Territoriale.

Con questa decisione si autorizza un nuovo impianto in un territorio già fortemente compromesso, pieno di criticità ambientali a cui si andrebbero a cumulare le esternalità negative della messa a dimora di oltre 900.000 metri cubi di rifiuti, con rischi per il possibile contatto con la falda e l’impatto odorigeno.

Per questo motivo, come Partito Democratico di Brescia continueremo la mobilitazione a fianco dei cittadini di Buffalora e della zona est di Brescia e ci prepariamo a ricorrere in tutte le sedi. Le buone ragioni stanno dalla nostra parte: questa decisione diventa un vero e proprio attentato alla salute dei residenti che non sono adeguatamente protetti da norme nazionali e regionali fortemente inadeguate che non garantiscono la tutela e la salute del territorio.

Inoltre, denunciamo le dichiarazioni di Fabio Rolfi e rigettiamo con forza le accuse da lui rivolte, false e tendenziose. La Lega strumentalizza, per meri fini politici, questa situazione non raccontando la verità dei fatti. Rolfi omette, volontariamente, di dire che la proprietà di GardaUno è principalmente in mano a comuni a guida centrodestra. Constatiamo che la destra con una mano fa finta di battersi per la salute dei cittadini bresciani, mentre con l’altra li scippa della salute non fermando, potendo farlo, il progetto di GardaUno.

Se fosse confermata l’autorizzazione, chiediamo alle Amministrazioni coinvolte di attivarsi e ricorrere contro questa deprecabile decisione. Noi sosterremo queste azioni per scongiurare la realizzazione di questa nuova discarica.

Brescia 21 settembre 2018

I Consiglieri PD Comune di Brescia

Andrea Curcio

Angela Maria Paparazzo

Monica Rovetta

Gli Assessori PD Comune di Brescia

Fabio Capra

Valter Muchetti

Il segretario del Circolo PD Brescia Est

Luciano Pedrini

Il Segretario PD Cittadino

Giorgio De Martin

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.